Covid. Da jeans a calzini, ecco i tessuti per mascherine 'promossi'

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Un team di ricercatori ha testato qualsiasi cosa, dalle magliette ai calzini fino a jeans e sacchetti sottovuoto per determinare quale tipo di materiale per mascherina fosse più efficace nell'intrappolare dopo un colpo di tosse le particelle ultrafini che possono contenere Sars-CoV-2, il virus che causa Covid-19. Ebbene, secondo lo studio, pubblicato su Bmj Open dai ricercatori dell'Università di Cambridge e della Northwestern University, la maggior parte dei tessuti comunemente usati per mascherine facciali non mediche è efficace nel filtrare le particelle ultrafini. Anche le mascherine filtranti N95 si sono rivelate altamente efficaci, sebbene un sacchetto per aspirapolvere riutilizzabile in realtà abbia superato le prestazioni delle N95 per alcuni aspetti.

Per quanto riguarda le mascherine fatte in casa, quelle realizzate con più strati di tessuto sono risultate più efficaci, e quelle che incorporavano anche una sorta di 'scheletro' (che normalmente viene utilizzato per irrigidire i colletti) hanno mostrato un significativo miglioramento delle prestazioni. Tuttavia, questo miglioramento ha reso più difficile respirare con questi dispositivi rispetto a una mascherina N95. I ricercatori hanno studiato le prestazioni di diversi tessuti anche da umidi e dopo un normale ciclo di lavaggio e asciugatura. Scoprendo così che i tessuti funzionavano bene quando erano umidi e a sufficienza dopo un ciclo di lavaggio. Tuttavia studi precedenti hanno dimostrato che lavaggi ripetuti degradano i tessuti e i ricercatori avvertono che le mascherine 'fai da te' "non dovrebbero essere utilizzate a tempo indeterminato".

"Le mascherine in tessuto sono diventate una nuova necessità per molti di noi dall'inizio della pandemia", ha detto la prima autrice del lavoro, Eugenia O'Kelly del Dipartimento di Ingegneria di Cambridge. "Nelle prime fasi della pandemia, quando le N95 scarseggiavano, molti produttori hanno realizzato mascherine in tessuto", colmando di fatto un gap. "In qualità di ingegnere, volevo saperne di più su come funzionassero materiali diversi in condizioni diverse".

"Una mascherina che blocca molto bene le particelle ma limita la respirazione non è una mascherina efficace", ha detto O'Kelly. "Il denim, ad esempio, è stato piuttosto efficace nel bloccare le particelle, ma è difficile respirare con questo tessuto, quindi probabilmente - ha concluso l'esperta - non è una buona idea creare una mascherina con un vecchio paio di jeans. Le N95 sono più comode per respirare rispetto a qualsiasi tessuto con livelli di filtraggio simili".