Covid, da lunedì prenotazioni vaccini bivalenti a over 60, fragili e sanitari

Un operatore sanitario con una siringa contenente un vaccino contro il Covid-19 a Roma

MILANO (Reuters) - Da lunedì partiranno in tutte le regioni italiane le prenotazioni e le somministrazioni dei nuovi vaccini anti-Covid cosiddetti bivalenti mirati alla variante BA.1 di Omicron, raccomandati come terza o quarta dose, per gli over 60, le persone fragili e gli operatori sanitari.

Lo hanno detto oggi in una conferenza stampa congiunta al ministero della Salute, il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, il direttore generale della Prevenzione Gianni Rezza e il direttore generale dell'Aifa Nicola Magrini.

A differenza delle precedenti campagne vaccinali di massa, ha spiegato Rezza, questa prevede "un cambio di paradigma che ci porta a proteggere in via prioritaria le persone più a rischio, un po' come accade per l'influenza".

"In base ai report presentati, il nuovo vaccino ha copertura [contro la malattia grave] anche sulla variante Ba.5. E questo dovrebbe rafforzare il convincimento per le persone a rischio a fare la quarta dose", ha detto il direttore dell'Aifa.

Per queste categorie il ministero raccomanda la vaccinazione con il primo richiamo (terza dose), se non si è già fatto, o il secondo richiamo (quarta dose), ma, visto che Ema e Aifa hanno approvato questi vaccini per tutte le persone dai 12 anni in su, anche tutti gli altri non inclusi in queste categorie, potranno prenotarsi e farselo somministrare.

Entro la fine si settembre è previsto in Italia l'arrivo di 18,9 milioni di dosi di questi vaccini bivalenti.

Con questa campagna si punta a vaccinare 15-20 milioni di persone appartenenti alle categorie per cui questi vaccini sono raccomandati, ha detto Magrini.

"Nei prossimi giorni verrà data indicazione più dettagliata alle Regioni sulle modalità", ha concluso Rezza.

(Emilio Parodi, editing Gianluca Semeraro)