Covid: D'Alema, 'ha travolto modello neoliberista, ora investire sul fattore umano'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 apr. (Adnkronos) – "Siamo nel mezzo di una trasformazione epocale, sta cambiando il carattere dello sviluppo e del capitalismo. La vicenda del Covid ha travolto il modello neoliberista, c'è una dimensione antropologica della crisi che è inedita. Sono in atto cambiamenti e la crisi li ha accelerati. Ma questo può essere anche un'opportunità. C'è già stata la svolta dell'Europa: basta austerità e un grande programma investimenti. E poi c'è stata la svolta americana perchè il programma di Biden è enorme" tra sostegno pubblico dell'economia e la tassazione delle imprese. Lo dice Massimo D'Alema alla presentazione del numero di ItalianiEuropei dedicato a 'Il lavoro post-Covid' con Maurizio Landini.

"Se il tema è quello di un nuovo modello di sviluppo, il tema del lavoro deve avere una centralità. Fino ad oggi la competizione si è largamente fondata sull'accentuazione dello sfruttamento, della precarizzazione del lavoro. Questo non è più tollerabile. Questa situazione è esplosa in quei settori meno tutelabili come riders o i fattorini di Amazon, la pandemia ha fatto esplodere il settore e commerce e ne ha rivelato i risvolti. l'altra faccia di quella modernità è lo sfruttamento selvaggio delle persone che però hanno preso coscienza".

"Io penso che ci sia il tema di rimettere insieme ciò che è stato frantumato nel lavoro. L'Europa non ha solo dato risorse ma anche indicato grandi obiettivi. Ma riconvertire l'economia verso questi grandi obiettivi comporta un enorme investimento nel fattore umano. Io spero che nel Pnrr questa dimensione della formazione e dell'investimento sul fattore umano rappresenti un elemento importante".