Covid, dg Oms: "Errore presumere che Omicron sia la fine"

·3 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "Imparare a convivere con Covid 19 non può significare che diamo a questo virus la libertà di circolare. Non può significare che accettiamo quasi 50mila morti a settimana. Non può significare che accettiamo un onere inaccettabile per i nostri sistemi sanitari", e per gli "operatori esausti" che ogni giorno "tornano in prima linea". Esistono "diversi scenari su come potrebbe andare la pandemia e su come potrebbe finire la fase acuta, ma è pericoloso presumere che Omicron sarà l'ultima variante o che siamo alla fine dei giochi. Al contrario, a livello globale le condizioni sono ideali per l'emergere di più varianti". E' il monito lanciato dal direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel suo discorso alla 150esima sessione dell'Executive Board dell'Oms.

"Per cambiare il corso della pandemia, dobbiamo cambiare le condizioni che la stanno guidando. Riconosciamo che tutti sono stanchi di questa pandemia - ha osservato - che le persone sono stanche delle restrizioni ai movimenti, ai viaggi e alle altre libertà; che le economie e le imprese stanno soffrendo; che molti governi stanno camminando su un filo, cercando di bilanciare ciò che è efficace" contro il virus "con ciò che è accettabile" per la società. "Ogni Paese si trova in una situazione unica e deve tracciare una via d'uscita dalla fase acuta della pandemia con un approccio attento e graduale", ha esortato pur riconoscendo che "non ci sono risposte facili". Ma se i Paesi utilizzano le strategie e gli strumenti oggi disponibili "in modo completo - ha assicurato - possiamo porre fine alla fase acuta della pandemia quest'anno: possiamo porre fine a Covid come emergenza sanitaria globale e possiamo farlo" nel 2022.

Ciò non toglie, ha spiegato Tedros, che Omicron pone ancora una sfida importante: "Questa domenica - ha ricordato - segna 2 anni da quando ho dichiarato Covid un'emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale, il più alto livello di allarme, e all'epoca c'erano meno di 100 casi e nessun decesso segnalato al di fuori della Cina. Due anni dopo sono stati segnalati quasi 350 milioni di casi e oltre 5,5 milioni di morti, e sappiamo che questi numeri sono sottostimati. In media, la scorsa settimana sono stati segnalati 100 casi ogni 3 secondi e qualcuno ha perso la vita a causa di Covid ogni 12 secondi. Da quando Omicron è stato identificata per la prima volta solo 9 settimane fa, più di 80 milioni di casi sono stati segnalati all'Oms, più di quelli segnalati nell'intero 2020. Finora l'esplosione dei casi non è stata accompagnata da un aumento dei decessi". Alla luce di questo scenario "le domande che molti si pongono sono: A che punto siamo? E quando finirà?".

Cruciale sarà l'equità vaccinale, ha ribadito il Dg Oms. "I vaccini da soli non sono il biglietto d'oro per uscire dalla pandemia - ha ripetuto - Ma non c'è via d'uscita se non raggiungiamo il nostro obiettivo condiviso di vaccinare il 70% della popolazione di ogni Paese entro la metà di quest'anno. Abbiamo una lunga strada da percorrere. Allo stato attuale, 86 Stati membri in tutte le regioni Oms non sono stati in grado di raggiungere l'obiettivo dello scorso anno di vaccinare il 40% delle loro popolazioni e 34 Stati membri, la maggior parte dei quali in Africa e nella regione del Mediterraneo orientale, non sono stati in grado di vaccinare nemmeno 10% della loro popolazione. L'85% della popolazione africana deve ancora ricevere una singola dose di vaccino. Semplicemente non possiamo porre fine alla fase di emergenza della pandemia a meno che non colmiamo questo divario".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli