Covid: Di Maio, 'al vaglio né lockdown per no vax né obbligo, accelerare su terza dose'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 nov. (Adnkronos) – "Noi abbiamo fatto per primi alcune cose" per contrastare la pandemia "perché siamo stati i primi a entrarci, siamo stati apripista in Occidente in questa tragedia. Abbiamo stabilito l'obbligo di green pass sui posti di lavoro perché abbiamo ascoltato la comunità scientifica. Il lockdown per i non vaccinati, come stanno facendo in Austria, non lo stiamo considerando, oggi non è oggetto di discussione," perché "in Italia abbiamo l'86% di vaccinati, in Austria il 65%". E anche l'obbligo "non lo stiamo assolutamente vagliando perché la vaccinazione sta andando avanti, ora bisogna accelerare sulla terza dose". Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, presentando il suo libro 'Un amore chiamato politica', al Fla Festival a Pescara. Il responsabile della Farnesina ringrazia i giovani, "stanno dando l'esempio di come ci si possa riprendere la propria libertà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli