Covid: direttore Asp Ragusa, 'cosa fare ora con i lotti AstraZeneca sequestrati dai Nas?'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 18 mar. (Adnkronos) – "Le nostre fiale di AstraZeneca, oltre 4.500 in tutto, sono ancora sotto sequestro dei Nas, dopo la morte del militare nel siracusano. Attendo di capire cosa fare per potere ricominciare a fare le vaccinazioni". Lo ha detto all'Adnkronos Raffaele Elia, direttore sanitario dell'Asp di Ragusa parlando del via libera dell'Ema ad AstraZeneca dopo la sospensione dei giorni scorsi. "Dobbiamo aprire tutti gli slot che erano stati chiusi – dice- vogliamo anche capire come comportarci con le fiale sequestrate. Ma, a prescindere da questo, già da domani sto dando la possibilità, con il sistema informatico, affinché le sette postazioni siano aperte".

"Avevamo fatto il conteggio di 3.500 persone che potevano vaccinarsi ogni settimana nei sette punti vaccinali – spiega ancora – e pensiamo, anzi speriamo, di incrementare i numeri fino a portarli a cinquemila. E' una scommessa che ancora non mi sento ancora di dire. Devo cercare dei medici in pensione che sono disponibili a tornare".

Subito dopo le due morti a Ragusa c'è stata una defezione di "quasi il 50 per cento", dice Elia. "Adesso dobbiamo correre e fare campagna informativa". Per Elia "AstraZeneca è uno dei vaccini più sicuri, con Pfizer e Moderna ci sono stati più morti. Adesso faremo una adeguata campagna informativa, anche con il passaparola, tutto quello che è possibile per fare venire persone".