Covid, domani sindacati discoteche manifestano a Roma: stop chiusure

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 lug. (askanews) - Le principali associazioni di categoria del settore, tra cui Silb-Fipe, Il Sindacato Italiano dei Locali da Ballo, tornano in piazza per lanciare il loro grido d'allarme e chiedere a gran voce di poter finalmente, dopo 17 mesi, tornare a lavorare.

"Quotidianamente assistiamo ad assembramenti, spesso danzanti, di ogni tipologia e in ogni luogo: in piazza, in spiaggia, nei lounge bar, nelle feste private illegali, nei sempre più numerosi rave party. Insomma, si balla ovunque e senza regole, meno nei luoghi dove potrebbero esserci controllo e sicurezza: le discoteche!", si legge in una nota dei sindacati.

"Il Cts ha deliberato la possibilità di ripartenza per il settore con rigide regole. E allora perché il Governo non stabilisce una data per tornare, prima possibile, a lavorare? Perché continuare a colpire un intero comparto fondamentale per la vita sociale e culturale delle nostre comunità? Perché umiliare un settore così importante per l'attrattività turistica delle nostre città e delle nostre riviere? Perché abbandonare migliaia di addetti ai lavori? Con queste domande scenderemo in piazza domani, 08 luglio, in piazza San Silvestro a Roma, dalle ore 18 alle ore 20, per un SIT-IN autorizzato dalle forze dell'ordine. Una manifestazione pacifica, educata, composta e nel pieno rispetto delle norme anti COVID", conclude la nota.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli