Covid: Draghi studia aperture, Cts lavori a 'protocolli' meno rigidi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – Il premier Mario Draghi spinge sulle riaperture, per consentire al Paese, alle prese con l'emergenza Covid e le varianti che accelerano la corsa del virus, di ripartire, seppur gradualmente. A quanto apprende l'Adnkronos da autorevoli fonti di governo, il presidente del Consiglio ha infatti chiesto al Cts di lavorare su protocolli 'meno rigidi' per le aperture'. O meglio che tengano conto anche della sostenibilità di alcuni settori falcidiati dalla pandemia. Con una sorta di benchmark dei comparti più in affanno, per fissare delle asticelle, dei parametri -e in questo potrebbe essere coinvolto anche il Mef- che consentano di evitare delle aperture anti-economiche. Insomma, la riapertura deve essere "sostenibile", ''reale e non solo di facciata'', spiegano fonti di governo. E consentire effettivamente a chi rialza la saracinesca di poter 'far cassa'. Tali criteri -resta la condizione sine qua non- dovranno garantire innanzitutto la salute dei cittadini.