Covid e gravidanza, l'allarme dei medici: "Gravi rischi per le mamme infette"

·1 minuto per la lettura

Le gravidanze complicate dal Covid-19 si concludono più spesso in un parto prematuro che può mettere seriamente a rischio la vita del piccolo. È quanto emerge dai dati aggiornati del Registro Covid-19 della Società italiana di neonatologia (Sin) che confermano un aumento delle nascite premature da donne infette pari all’11,2%, rispetto al tasso di prematurità delle donne non infette pari al 6,9%.

"Una trentenne non incinta che contrae il virus ha una bassa probabilità di essere ricoverata in terapia intensiva, ma - spiega il presidente Sin Fabio Mosca - se è in gravidanza il rischio sale di tre volte

Il virus Sars-CoV-2, inoltre, può trasmettersi, anche se raramente, dalla madre al feto e causare a volte casi di Covid-19 neonatale grave". Per questo, sottolinea Mosca, "alle donne in gravidanza o che vogliono avere un figlio consigliamo di vaccinarsi, per proteggere se stesse e il proprio piccolo".

GUARDA ANCHE - Covid, vaccinarsi in gravidanza: le cose da sapere

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli