Covid e origine virus, per la Cina "arroganza" dell'Oms

·1 minuto per la lettura

La Cina si dice "scioccata" dai piani dell'Organizzazione mondiale della Sanità per la seconda fase di studio sulle origini del Covid-19 in Cina. Lo fa tramite il vice direttore della Commissione sanitaria nazionale, Zeng Yixin, che - si legge sul Global Times - ha parlato di "mancanza di rispetto per il buonsenso e arroganza nella proposta".

La Cina, ha detto Zeng durante una conferenza stampa secondo quanto riporta l'agenzia Xinhua, spera che l'Oms tratti il tracciamento delle origini del Covid-19 come una "questione scientifica", senza "interferenze politiche" e promuova un lavoro da portare avanti "in più Paesi e regioni del mondo". Per Zeng, quello che ha riguardato la prima fase delle indagini "non va ripetuto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli