Covid e sci, "da stop perdita di 2,4 mld solo nell'arco alpino"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

La permanenza dell’obbligo di chiusura degli impianti nei comprensori sciistici "azzera i flussi di turismo bianco" con una perdita stimata della spesa in quelle aree - tra alloggio, ristorazione, impianti sciistici, shopping, intrattenimento e servizi vari - pari a circa 2,4 miliardi di euro solo nell’arco alpino tra dicembre e marzo. E' la stima che arriva da Confturismo-Confcommercio sugli effetti economici dello stop agli impianti sciistici.

Cifra a cui si deve aggiungere "anche la mancata spesa per l’acquisto di accessori, abbigliamento e attrezzature per lo sci e l’ulteriore perdita di spesa complessiva derivante dalle altre località sciistiche del nostro Paese" prosegue la nota.

Una situazione di forte preoccupazione per imprese e lavoratori del settore, soprattutto in vista delle prossime festività natalizie, che corrono il rischio di vedere compromessa la stagione invernale, che rende necessario e urgente un “coordinamento neve”, anche a livello europeo.

In condizioni di normalità – prosegue la nota – il numero di presenze turistiche complessive atteso nello stesso periodo in quell’area, inteso come numero di notti a destinazione, è di circa 20 milioni. Cifra che contempla anche il numero dei turisti presso le seconde case di proprietà ed esclude gli “escursionisti”, cioè coloro che vanno e vengono in giornata senza pernottare.

E anche nell’ipotesi di una riapertura degli impianti – conclude Confturismo – sempre tenendo conto delle restrizioni alla mobilità dei turisti sia per l’ingresso dai confini nazionali sia per lo spostamento tra Regioni/Aree del Paese, verrebbero a mancare oltre 12 milioni di notti a destinazione pari ad una perdita stimata di spesa di almeno 1,7 miliardi di euro.