Covid e tasse, da Irpef a Iva: scadenze fiscali rinviate

webinfo@adnkronos.com
·4 minuto per la lettura

Sono in arrivo 8 miliardi di euro, che andranno soprattutto per il rinvio delle scadenze fiscali previste negli ultimi due mesi del 2020. Con il via libera allo scostamento di bilancio da parte del parlamento viene autorizzato un ulteriore deficit che, spiega il viceministro dell'Economia, Antonio Misiani, serviranno per inviare i pagamenti del secondo acconto irpef, ires e irap, dei versamenti dell'iva, dei contributi e delle ritenute, privilegiando chi subisce dei significativi cali di fatturato perché abbiamo il dovere di essere selettivi''. Il pacchetto di misure sarà contenuto nel decreto legge ristori quater, che andrà ad aggiungersi ai precedenti tre, attualmente all'esame del Senato. Di seguito le principali scadenze fiscali previste nei mesi di novembre e dicembre, che potrebbero essere interessate dalle norme che dovrebbero essere approvate dal governo nei prossimi giorni.

VERSAMENTI DA DICHIARAZIONI: I contribuenti tenuti a effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali delle persone fisiche, delle società di persone e degli enti a essi equiparati nonché dell'Irap (Modelli 730/2020, Redditi Pf 2020, Redditi Sp 2020 e Irap 2020), devono pagare la seconda o unica rata di acconto Irpef e Irap relativo all'anno 2020. La scadenza è prorogata al 30 aprile 2021 per i soggetti indicati dal decreto legge agosto, che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 % nel primo semestre dell’anno 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

IRAP 2019: Entro il 30 novembre i contribuenti obbligati alla presentazione telematica della dichiarazione dei redditi e per coloro che, pur non obbligati, hanno scelto tale modalità, dovranno trasmettere il modello Redditi Pf 2020. La scadenza interessa anche: le società di persone ed enti equiparati per la presentazione telematica della dichiarazione dei redditi modello Redditi Sp 2020; soggetti Ires con esercizio coincidente con l'anno solare per l'invio telematico della dichiarazione dei redditi modello Redditi Sc 2020; enti pubblici e privati diversi dalle società, compresi i trust, soggetti all’Ires, nonché società ed enti non residenti soggetti all’Ires per la presentazione telematica della dichiarazione dei redditi modello Redditi Enc 2020; soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione Irap 2020 per effettuare l'invio telematico, direttamente o tramite intermediari abilitati.

CEDOLARE SECCA: I locatori, persone fisiche, proprietari o titolari di diritti reali di godimento di unità immobiliari abitative locate, che hanno scelto il regime della cedolare secca, devono pagare il secondo o unico acconto per l'anno d'imposta 2020.

LIQUIDAZIONI IVA: I soggetti passivi Iva devono inviare la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva effettuate nel terzo trimestre del 2020, esclusivamente in via telematica. A fine dicembre scade anche il termine per versare l’acconto Iva annuale.

REDDITI 2019 PERSONE FISICHE: Le persone fisiche non titolari di partita Iva, che hanno scelto il pagamento rateale effettuando il primo versamento entro il 30 giugno, devono versare la sesta rata delle imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali, con applicazione degli interessi nella misura dello 1,65%. Sono esclusi i soggetti che partecipano in attività economiche per le quali si applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale tenuti ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali delle persone fisiche. La stessa tipologia di contribuenti che si è avvalsa della facoltà di effettuare il versamento in ritardo, ma entro il 30 giorno dal termine, deve versare la sesta rata delle imposte con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse e l'1,32% di interessi. I presenti adempimenti riguardano i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi dei soggetti non interessati dall’applicazione degli Isa e non forfettari.

PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEGLI EREDI: Gli eredi delle persone decedute dal primo gennaio 2019 al 31 luglio 2020 devono presentare la dichiarazione dei redditi per conto del de cuius e della scheda per la scelta della destinazione dell'otto, del cinque e del due per mille dell'Irpef, esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati.

ESTEROMETRO: I soggetti passivi Iva residenti o stabiliti in Italia, nonché residenti e non residenti nel territorio dello Stato che facilitano tramite l'uso di un'interfaccia elettronica le vendite a distanza di telefoni cellulari, consolle da gioco, tablet Pc e laptop, devono inviare in via telematica la comunicazione delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nei territorio dello Stato relative al mese di ottobre.

OPERATORI FINANZIARI: Gli operatori finanziari (banche, Poste italiane, intermediari finanziari, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo del risparmio, società di gestione del risparmio) devono comunicare all’Anagrafe tributaria i dati riferiti al mese di ottobre relativi ai soggetti con i quali sono stati intrattenuti rapporti di natura finanziaria.

RES NON DOM: Le persone fisiche che trasferiscono la propria residenza in Italia e intendono optare per l’assoggettamento all’imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero devono presentare l’istanza di interpello all’Agenzia delle entrate (Divisione contribuenti).