Covid, Ema esprimerà giudizio su vaccino J&J entro metà marzo

·1 minuto per la lettura
Fiale che riportano la scritta "Covid-19 - vaccino contro il coronavirus" e una siringa davanti al logo di Johnson&Johnson

(Reuters) - L'Agenzia europea del farmaco (Ema) ha detto che potrebbe fornire entro metà marzo un parere in merito all'approvazione del vaccino contro il Covid-19 sviluppato dalla casa farmaceutica Johnson & Johnson nell'ambito di una revisione rapida.

L'Ema ha comunicato di aver ricevuto una richiesta di approvazione per l'immissione in commercio condizionata del vaccino, che porta il nome di "Vaccino Covid-19 Janssen", oggetto di valutazione anche delle autorità statunitensi.

L'agenzia Ue ha detto che una revisione rapida del vaccino anticovid da parte del comitato per i medicinali per uso umano è possibile poiché aveva già valutato alcuni dati in tempo reale e ora si concentrerà su efficacia, sicurezza e qualità del vaccino.

Il vaccino a dose singola sviluppato da Janssen, controllata di J&J, si è dimostrato efficace al 66% nel prevenire il Covid-19 nei test clinici globali su ampia scala su varianti multiple, secondo uno studio dello scorso mese.

Sebbene i vaccini delle rivali abbiano registrato percentuali di protezione maggiori contro il nuovo coronavirus, quello di Johnson & Johnson potrebbe contribuire a incrementare le forniture e semplificare le campagne di immunizzazione poiché non richiede una seconda dose e non ha bisogno di essere congelato durante il trasporto.

L'Unione europea ha finora approvato i vaccini di Pfizer/BioNTech , Moderna e AstraZeneca/Oxford.

Reuters ha scritto la scorsa settimana che l'Ema ha in programma di accelerare la valutazione dei vaccini anticovid modificati per proteggere dalle varianti.

Le raccomandazioni dell'Ema devono essere approvate formalmente dall'Unione europea.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)