Covid Emilia Romagna, oggi 1.789 contagi e 38 morti: bollettino 3 aprile

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Sono 1.789 i nuovi contagi da coronavirus in Emilia Romagna, secondo il bollettino di oggi 3 aprile. Si registrano altri 38 decessi, secondo la tabella aggiornata.

Nel dettaglio, dall’inizio dell’epidemia in Emilia Romagna si sono registrati 341.218 casi di positività, 1.789 in più rispetto a ieri, su un totale di 31.848 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,6%.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 12.078.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.509 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 256.660. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 72.480 (-758 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 68.933 (-636), il 95% del totale dei casi attivi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 366 (-5 rispetto a ieri), 3.181 quelli negli altri reparti Covid (-117).

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 14.284 tamponi molecolari, per un totale di 4.042.545. A questi si aggiungono anche 935 test sierologici e 17.564 tamponi rapidi.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dai 75 anni in su; proseguono le vaccinazioni anche per il personale scolastico e le forze dell’ordine. Nessuna pausa ci sarà per le festività pasquali: gli operatori saranno attivi anche domani, domenica di Pasqua, e il giorno successivo, lunedì dell’Angelo.