Covid, Emiliano: "Chi prende stipendio vorrebbe il mondo chiuso"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"E’ chiaro che chi ha uno stipendio, che corre, vorrebbe tutto il resto del mondo chiuso, ma devono sapere, anche quelli che prendono lo stipendio e non sono tanti purtroppo, che quando finiranno le entrate fiscali non sarà neanche più possibile pagare loro gli stipendi. Quindi noi l’economia la dobbiamo tenere aperta". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, parlando a Bari con i giornalisti, a margine della presentazione della 84° edizione della Fiera del Levante.

GUARDA ANCHE: Un vino unisce Puglia e Veneto

"La Fiera è il simbolo dell'economia pugliese che riparte a tutto regime", ha aggiunto. "La giornata odierna noi la dobbiamo dedicare, grazie anche alla capacità organizzativa della Regione Puglia sotto l’aspetto del contrasto al Covid, dal punto di vista epidemiologico, all’economia aperta che non si difende più con il lockdown ma con la quarantena mirata, con le indagini epidemiologiche, e che consente alla Puglia di non rovinarsi. Il cammino della Fiera del Levante - ha affermato Emiliano - ricomincia soprattutto con l’applicazione di regole e attenzioni legate alle prescrizioni che abbiamo dato, ma la Fiera del Levante non si ferma, va avanti, riprende il suo ruolo di promozione dell’economia e dell’immagine della Puglia".

Il governatore ha evidenziato "il sistema predisposto per la sorveglianza epidemiologica di tutta la regione". Questo meccanismo "verrà completato a giorni con i macchinari per realizzare i tamponi che ha previsto un protocollo di intesa tra i dipartimenti di prevenzione e le forze dell’ordine per le indagini epidemiologiche. E’ soprattutto, questa attenzione generale di tutto il sistema sanitario pugliese che può consentire alla nostra economia, qualunque sia l’ondata di ritorno del Covid, molto probabile. Ribadisco che abbiamo costruito un sistema che sosterrà speriamo in maniera adeguata l’ondata che da metà settembre, i primi di ottobre, molto probabilmente tornerà e tornerà a minacciare tutta l’Italia".