Covid: esperto, 'pochi estremismi politici in cortei Milano, vince chi urla di più'

·2 minuto per la lettura

"Una piazza trasversale, ma non politica che risponde a chi grida di più". A Milano il mondo dei 'no green pass' è fatto di opposti, di realtà organizzate agli antipodi, ma soprattutto di gente comune e per questo "imprevedibile e ancora più pericolosa". A spiegarlo all'Adnkronos è un uomo che, da anni, monitora il fenomeno e lavora per evitare gli scontri. Il suo è un occhio analitico e profondo sui movimenti più estremisti presenti a destra o a sinistra della politica.

"Milano non è come a Roma: qui i movimenti di Casapound e Lealtà Azione non si sono mai affacciati. Forza Nuova a Milano non esiste più: hanno fondato 'Il movimento nazionale - la Rete dei patrioti', completamente dissociato da Fiore e quindi a parte qualcuno che è venuto a buttare un occhio le prime volte a luglio e agosto - senza fare i cortei - non hanno mai preso parte a queste manifestazioni non autorizzate". A settembre è stato indagato anche Marco Mantovani, ex noto forzanovista, ma "rappresenta se stesso. Dire che in piazza c'è Forza Nuova è un po' una forzatura".

Numeri contenuti anche per l'area antagonista-anarchica, "componenti del centro sociale di via Gola ad esempio", ma anche in questo caso "parliamo di una decina di persone. Qualcuno ha provato a tirarsi dietro il corteo a volte riuscendoci", ossia riuscendo a farlo puntare nella direzione desiderata per creare disagi e disordini, "ma come lo hanno fatto tanti sconosciuti: la verità è che a Milano vige la regola del chi grida di più". Gli obiettivi di destra e sinistra sono diversi: "Quelli della destra provano a dire 'io guido un movimento popolare, quindi ho adesioni, faccio proselitismo', la mentalità degli anarchici è che se c'è la possibilità di cavalcare uno scontro con lo Stato lo fanno".

Il bilancio di sabato 9 ottobre è di un giovane arrestato per aver colpito alla schiena un poliziotto, in zona stazione Centrale, e di 57 denunciati, alcuni di area anarchica, "ma in piazza sabato c'era un movimento di opposti, nato dalla base, tante sono persone mai viste prima in altre manifestazioni. Uomini e donne, non più ragazzini, che vivono questi cortei come una festa e quasi non si rendono conto di commettere reati". I denunciati devono rispondere, a vario titolo, di interruzione di servizio pubblico, violenza privata, manifestazione non autorizzata, istigazione a disobbedire alle leggi.

"Dietro lo slogan 'noi siamo il popolo e facciamo quello che vogliamo' il rischio, come sabato scorso, è quello che provano a bloccare una stazione o fomentare gli animi urlando 'andiamo contro la polizia' o ridendo davanti a un poliziotto ferito. In un corteo così disordinato, senza percorso e senza interlocutori, c'è il rischio che quelli dietro nemmeno si rendono conto di quello che succede davanti", conclude l'esperto che anche sabato prossimo vigilerà sulla manifestazione non autorizzata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli