Covid Europa, Oms: 2 milioni contagi in 7 giorni, record da inizio pandemia

·3 minuto per la lettura

"Quasi 2 milioni di contagi Covid sono stati segnalati in Europa la scorsa settimana, il massimo in una singola settimana in questa regione dall'inizio della pandemia. Quasi 27mila i morti segnalati nell'area, più della metà di tutti i decessi Covid registrati a livello globale la scorsa settimana". A esprimere preoccupazione per la situazione nel Vecchio continente è stato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, oggi durante il consueto aggiornamento sulla situazione Covid nel pianeta.

"Il Covid-19 è in aumento nei Paesi dell'Europa orientale con tassi di vaccinazione più bassi, ma anche in Paesi dell'Europa occidentale con alcuni dei tassi di vaccinazione più alti al mondo". La situazione del Vecchio continente è "un altro promemoria di quello che abbiamo detto più e più volte: i vaccini non sostituiscono la necessità di altre precauzioni", il monito 'di Ghebreyesus che invita a non abbandonare le misure anti-contagio.

"I vaccini riducono il rischio di ospedalizzazione, malattie gravi e morte. Ma non prevengono completamente la trasmissione" del virus, ha ribadito il Dg Oms. "Alcuni Paesi europei stanno ora reintroducendo restrizioni per frenare la trasmissione e ridurre la pressione sui loro sistemi sanitari. Nessun Paese dovrebbe essere in questa posizione, a quasi due anni dall'inizio della pandemia di Covid". L'Oms, sottolinea il direttore generale, "continua a raccomandare l'uso su misura e proporzionato di test, mascherine, distanza fisica, misure per prevenire l'affollamento, migliorare la ventilazione e altro ancora. E occorre vaccinarsi quando è il proprio turno". "Con il giusto mix di misure, è possibile per i Paesi trovare l'equilibrio tra la necessità di mantenere bassa la trasmissione di Sars-CoV-2 e quella di mantenere aperte le proprie società ed economie", evitando che si rendano necessari nuovi lockdown e chiusure..

"INSENSATO VACCINO BIMBI E BOOSTER SANI SE CHI RISCHIA È SENZA"

Secondo Ghebreyesus "non ha senso dare la dose booster ad adulti sani o vaccinare i bambini, quando nel mondo ci sono operatori sanitari, anziani e altri gruppi ad alto rischio che stanno ancora aspettando la loro prima dose" di vaccino anti-Covid. "L'eccezione, come abbiamo detto, sono gli individui immunocompromessi". E invece la realtà è che "ogni giorno si somministrano 6 volte più dosi booster a livello globale rispetto alle dosi primarie nei Paesi a basso reddito. Questo è uno scandalo che va fermato". Oggi "i Paesi con la più alta copertura vaccinale continuano ad accumulare ancora più vaccini - ha spiegato durante il consueto aggiornamento sulla situazione Covid nel mondo - mentre i Paesi a basso reddito continuano ad aspettare. Abbiamo dimostrato che Covax", l'iniziativa lanciata per garantire equo accesso alle iniezioni scudo, "funziona se ha i vaccini. Covax ha ora spedito quasi 500 milioni di vaccini in 144 Paesi e territori. E tutti i Paesi hanno iniziato a vaccinare tranne due: Eritrea e Corea del Nord".

"La stragrande maggioranza dei Paesi è pronta a somministrare" vaccini il più possibile, "ma hanno bisogno delle dosi - ha aggiunto - Per raggiungere l'obiettivo dell'Oms di coprire il 40% della popolazione di ogni Paese entro fine anno, abbiamo bisogno di ulteriori 550 milioni di dosi". Basta poco, l'equivalente di "circa 10 giorni di produzione". I vaccini "da soli non porranno fine alla pandemia - ha ammonito il Dg- ma non possiamo porre fine alla pandemia a meno che non risolviamo la crisi globale dei vaccini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli