Covid, Fauci: "Nel 2022 gestiremo il virus, ora vacciniamo tutti"

·1 minuto per la lettura

"Spero e credo che il prossimo anno si possa ottenere una nuova normalità del virus, rendendolo gestibile. Per riuscirci, però, è necessario che i Paesi ricchi aiutino quelli poveri a vaccinarsi, e al proprio interno superino le resistenze all'immunizzazione". Lo dice Anthony Fauci, Chief Medical Advisor del presidente Joe Biden, in un'intervista a Repubblica in cui promuove le misure contro Omicron adottate dal governo italiano per un motivo preciso: "Per vaccini e mascherine servono i requirements, le prescrizioni". E, "se le fai, poi non avrai bisogno dei lockdown estesi".

"Purtroppo abbiamo ancora troppe persone, Italia inclusa, che rifiutano di vaccinarsi. E' il problema principale", afferma il virologo, secondo il quale Omicron "certamente ha un livello di trasmissibilità molto alto, assai più delle varianti precedenti", ma "sembra meno grave di Delta". "Preoccupa però che se molte persone vengono infettate, anche in maniera non grave, hai comunque tanti ricoveri e decessi" e "un grande aumento dei casi provoca un forte stress nel sistema ospedaliero".

I 'booster', sottolinea Fauci, "danno un livello di protezione molto, molto alto" e "sappiamo dal Sudafrica che Omicron reinfetta chi aveva già avuto il Covid, e quindi se vuoi proteggerti devi fare il vaccino". Ma è "prematuro" dire se servirà la quarta dose perché "dobbiamo aspettare di vedere la durabilità della risposta alla terza". Un vaccino specifico per Omicron? "Abbiamo abbastanza protezione dai 'booster' non specifici - risponde - Potrebbe servire in futuro, ma non ora". Fauci incoraggia "vivamente i genitori" a vaccinare i bambini "perché nonostante sia più raro che sviluppino le forme peggiori della malattia rispetto agli anziani, molti le stanno subendo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli