Covid, Fontana firma ordinanza per la riapertura delle piste da sci

·2 minuto per la lettura
Impianti sciistici aperti in Lombardia dal 15 febbraio: l’ordinanza
Impianti sciistici aperti in Lombardia dal 15 febbraio: l’ordinanza

Ora è ufficiale; a partire dal prossimo 15 febbraio fino al 31 marzo in Lombardia potranno riaprire gli impianti sciistici. La conferma è arrivata nella giornata di mercoledì 10 a seguito della firma dell’ordinanza da parte del presidente della regione Attilio Fontana. Rimarranno tuttavia delle limitazioni aderenti alle normativa anti Covid, come ad esempio il limite di presenza nei comprensori fissato al 30% della portata oraria complessiva di tutti gli impianti di risalita presenti.

Lombardia, riaperti gli impianti sciistici

Nel testo dell’ordinanza firmata da Fontana è possibile leggere: “A decorrere dal 15 febbraio 2021 e fino al 31 marzo 2021, con esclusione dei giorni in cui alla Regione Lombardia si dovessero applicare le misure di cui all’articolo 2 o 3 del DPCM 14 gennaio 2021, gli impianti nelle stazioni e nei comprensori sciistici sono aperti anche agli sciatori amatoriali.

Per quanto riguarda le limitazioni sull’affluenza degli sciatori, l’ordinanza precisa che: “Il calcolo delle presenze giornaliere è definito dalla somma degli skipass giornalieri, di quelli plurigiornalieri e settimanali relativi al periodo di riferimento nonché di quelli stagionali”, mentre per le aperture notturne dei comprensori: “Il calcolo delle persone ammesse dovrà essere riferito alla sola portata oraria dell’impianto o degli impianti aperti in notturna”. La limitazione del 30% delle presenze sale al 50% in caso di stazioni sciistiche con un numero massimo di due impianti complessivi.

Nel caso degli abbonati plurigiornalieri, settimanali e stagionali degli impianti dovrà essere loro garantito un posto all’interno della quota del 30% anche attraverso l’utilizzo di appositi sistemi di prenotazione. Un caso a parte è invece quello del comprensorio sciistico Ponte di Legno-Tonale (a cavallo con la provincia autonoma di Trento) dove è presente un sistema unico di prenotazione.