Covid: Fontana, 'ieri carico Pfizer, entro 11/4 garantita una dose a tutti over 80' (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Con 127.013 somministrazioni, fino a domenica 11 aprile, tutti gli over 80 che hanno aderito alla campagna vaccinale anti Covid (668.033) avranno ricevuto la prima dose di vaccino. Verranno somministrate a questa categoria mediamente 23mila dosi al giorno in tutta la Lombardia. Sono coinvolti in questa fase sia gli over 80 che già si sono prenotati e sono stati raggiunti da sms o telefonata, sia quelli che per qualche motivo non avevano ricevuto l'appuntamento e che da ieri si possono presentare nei centri vaccinali. Per coloro che invece non avessero ancora aderito, circa 58mila, da ieri è previsto possano farlo attraverso il portale di Poste Italiane.

Nel frattempo, prosegue a ritmo sostenuto la vaccinazione del personale scolastico che ha aderito alla campagna. Con 183.860 dosi somministrate si è raggiunto l'82% della platea di 222.234 soggetti. Per quanto riguarda i pazienti estremamente vulnerabili, che in Lombardia sono più di 294.646, la vaccinazione è stata avviata il 18 marzo scorso e 47.936 hanno già ricevuto la prima dose. Da domani, 9 aprile, per coloro che non sono seguiti da un centro specialistico ospedaliero, la prenotazione sarà possibile sul Portale regionale di Poste Italiane. "I cittadini che non riuscissero ad iscriversi direttamente sul portale potranno rivolgersi al proprio medico di medicina generale che valuterà l'inserimento negli elenchi di priorità vaccinale", precisa Fontana.

Per quanto riguarda la categoria dei disabili gravi gli elenchi trasmessi dall'Inps indicano 283.000 soggetti aventi diritto. Di questi 89.348, hanno già ricevuto la prima dose; per coloro che invece non sono ancora stati coinvolti, insieme ai loro caregiver, potranno prenotare l'appuntamento, sempre attraverso il sito di Poste. Dal 16 aprile sarà consentita la prenotazione del vaccino anche per i caregiver dei disabili e degli estremamente vulnerabili che hanno già ricevuto la somministrazione e per i genitori dei minori non vaccinabili.