Covid: Fontana, 'se arriva ok da Figliuolo, in Lombardia vaccineremo anche i turisti'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 27 mag.(Adnkronos) – "Il giorno che il generale Figliuolo ci darà l'autorizzazione, saremo nella condizione di vaccinare anche i turisti senza problemi". Lo afferma il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una intervista a La Stampa. Piemonte, Liguria e Veneto hanno già manifestato chiaramente l'intenzione di vaccinare i turisti in vacanza; la Lombardia guarda verso la stessa direzione, anche se finora è sembrata prevalere molta cautela: "Io -puntualizza Fontana- mi sono semplicemente attenuto alle disposizioni governative", ma "il giorno che il generale Figliuolo ci darà l'autorizzazione, saremo nella condizione di vaccinare anche i turisti senza problemi". Tanto è vero che "anche le due regioni che hanno sottoscritto il protocollo stanno aspettando l'approvazione del generale. Quando Figliuolo dirà sì, lo faremo anche noi". Del resto "non dimentichiamo che in Lombardia abbiano vaccinato decine di migliaia di non lombardi che erano qui per studio o per lavoro. Se lo abbiamo fatto per questi, possiamo farlo anche per i turisti. Io non sono contrario, rispetto solo le disposizioni del governo".

La campagna vaccinale nella regione, intanto, procede spedita e la pandemia sembra essere alle sue fasi finali: "Sicuramente -osserva il governatore lombardo- stiamo andando verso una sua conclusione. Nel futuro dovremo ancora stare attenti, ma credo che il problema ormai sia stato affrontato e risolto". E questo, malgrado l'obiettivo di Bertolaso, di vedere tutti i lombardi vaccinati entro giugno, stia incontrando qualche difficoltà: "La promessa di Bertolaso era subordinata al fatto che arrivassero i vaccini in numero sufficiente e questo purtroppo non è successo, dobbiamo rinviare di un mese per somministrare almeno una dose a tutti e completare il giro. Noi -avverte- potremmo vaccinare fino a 150 mila persone al giorno, ma in questi giorni abbiamo dovuto ridurre a 80 mila al giorno perché mancano dosi".

All'inizio di ogni settimana, dice ancora Fontana, "il generale Figliuolo ci dice qual è il nostro target e non possiamo superarlo. Siamo arrivati a inoculare il 97 per cento delle risorse a nostra disposizione. Quando il generale ci ha consentito di salire un po', abbiamo superato le 115 mila punture senza problemi". Certamente, assicura, "se potessimo farlo tutti i giorni attestandoci sulle 120 mila, per il 10 luglio avremmo finito". In ogni caso, il governatore è positivo: "Abbiamo già parametri da zona bianca; la legge prevede che per ottenerla si debba rimanere per almeno due settimane senza alterazioni, dopodiché ci entreremo ufficialmente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli