Covid: Formigoni, 'la mia sanità avrebbe resistito meglio, ma Maroni ha distrutto tutto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 23 apr.(Adnkronos) – "La sanità di Formigoni avrebbe resistito molto meglio a questa pandemia". A dirlo all'Adnkronos è l'ex senatore Roberto Formigoni che, dopo l'uscita del suo libro 'Una storia popolare', commenta i fatti avvenuti in Lombardia durante la pandemia.

"Mi sembra che attualmente la campagna vaccinale in Lombardia stia andando molto bene -osserva-; la Lombardia vaccina oggi già un numero di persone superiore alla quota che le è stata assegnata per arrivare alle 500mila unità, dunque la sta superando molto bene". E aggiunge: "Io farò la prima vaccinazione il 3 maggio".

Tuttavia le cose, specie all'inizio della campagna e ancor più all'inizio dell'emergenza pandemica, non sono andate sempre bene: "Il tema sanitario lombardo, quando è arrivata la pandemia, lo ha provocato dalla cosiddetta riforma Maroni", dice l'ex senatore. In altre parole, "lui distrusse la sanità territoriale, mentre io avevo stretto una serie di accordi con i medici di base, aiutandoli a formare delle cooperative". Questo aveva permesso loro di "lavorare insieme e condividere le esperienze man mano che si verificavano: in tal modo riuscivano a percepire prima l’arrivo di fenomeni strani". Tuttavia, quando è arrivato, "Maroni ha completamente distrutto tutto questo".