Covid: Formigoni, 'la mia sanità avrebbe resistito meglio, ma Maroni ha distrutto tutto' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Per fare un esempio, "un medico mi ha rivelato che già a metà ottobre del 2019, quindi sei mesi prima che arrivasse la pandemia, aveva visto tra i suoi pazienti due casi di polmonite insoliti, che non sapeva bene come curare". Ecco "se ci fossero stati i gruppi che io avevo formato, sarebbero stato possibile individuare anche gli altri e i medici avrebbero potuto lanciato prima l’allarme, evitando di arrivare quando ormai era troppo tardi".

Invece, "la Lombardia si è trovata totalmente impreparata" a fronteggiare l'emergenza, perché ormai "la sanità territoriale era pressoché inesistente".

Eppure, ricorda Formigoni, "la mia sanità territoriale era stata premiata come eccellenza e per tanti anni è stata ai primi posti delle classifiche nazionali e internazionali per la forza dei nostri ospedali e della nostra medicina territoriale". La medicina territoriale "era strutturata, forte dell’alleanza con i medici di base, che erano in costante confronto con noi". E dunque, conclude, "la sanità che ha perso è la sanità di Maroni, non quella di Formigoni".