Covid Francia, Macron: "Forte ripresa epidemia, obbligo vaccino per personale sanitario"

·1 minuto per la lettura

Emmanuel Macron conferma la vaccinazione obbligatoria in Francia per il personale sanitario. "La vaccinazione sarà resa obbligatoria" per tutti coloro che sono a contatto con le persone fragili e questo obbligo riguarderà "il personale sanitario e non sanitario di ospedali, cliniche, case di cura, strutture per persone in situazione di handicap, tutti i professionisti o i volontari che lavorano a contatto con le persone fragili, anche a domicilio", ha annunciato nel suo intervento di questa sera.

"Il nostro Paese è toccato da una ripresa forte dell'epidemia che tocca tutti i territori" ha detto il presidente francese. "Abbiamo una risorsa principale: il vaccino", ha sottolineato. "Ci protegge solidamente contro la variante Delta ed evita il 95% delle forme gravi". "Più ci vaccineremo - ha aggiunto - meno spazio lasceremo al virus per diffondersi, più eviteremo i ricoveri".

"Si tratta di una nuova gara di velocità che viene avviata". Ma se la vaccinazione non aumenterà in modo sufficiente, bisognerà "porsi la questione della vaccinazione obbligatoria per tutti i francesi", ha poi avvertito. "Dobbiamo andare verso la vaccinazione per tutti, perché è l'unica strada verso il ritorno alla vita normale".

Questa sarà "un'estate di ritrovi, ma anche di vigilanza, lotta al virus e vaccinazioni" ha detto ancora il presidente francese. "Al rientro, avremo appuntamento con il nostro futuro", ha affermato.

Macron ha inoltre annunciato la prima estensione del 'pass sanitario' - il documento che attesta la vaccinazione o la negatività rispetto al coronavirus - a partire dal 21 luglio in Francia: a partire da quella data il documento sarà necessario per accedere a tutti gli eventi o luoghi in cui siano riunite più di 50 persone. Riguarderà tutti i cittadini francesi di più di 12 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli