Covid, Freedom day in Inghilterra

·1 minuto per la lettura
Revellers dance during the
Revellers dance during the

In Inghilterra revocate tutte le ultime restrizioni legali anti-Covid, in quello che è stato chiamato il Freedom Day, strenuamente difeso dal premier britannico Boris Johnson nonostante l’allarme degli esperti. Club e altri locali dalla mezzanotte possono lavorare a pieno regime, senza limiti al numero di avventori e senza l’obbligo della mascherina.

Johnson, costretto all’isolamento dopo essere entrato in contatto con il ministro della Salute Sajid Javid risultato positivo, ha mantenuto il piano previsto ma ha esortato gli inglesi a restare prudenti, di fronte all’impennata di casi registrati, arrivati a superare i 50 mila al giorno.
Grazie al successo della campagna vaccinale, le ospedalizzazioni sono gestibili, hanno sostenuto le autorità.
Ma Neil Ferguson, scienziato dell’Imperial College di Londra, ha avvertito che è “quasi inevitabile” per la Gran Bretagna raggiungere i 100 mila casi al giorno e mille ricoveri perchè la variante Delta è fuori controllo. “La vera domanda è, possiamo raddoppiare (il numero) o addirittura di più? Ed è qui che la sfera di cristallo comincia a non funzionare”, ha affermato alla Bbc. “Potremmo arrivare a 2 mila ricoveri al giorno e 200 mila casi, ma è molto meno certo”, ha aggiunto.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli