Covid, Fto a Garavaglia: aprire in sicurezza viaggi extra Ue

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - "Liberiamo gli italiani da una gabbia che non ha alcuna ragione di esistere. Ai ministri Garavaglia e Speranza diciamo: ripristinare i corridoi turistici con voli 'covid tested' per le sole mete esotiche è un primo passo, ma ci si deve muovere per riaprire subito alla totalità dei viaggi e delle mete extra-Ue. Con il green pass e un tampone 48 ore prima del rientro è possibile ridare ai nostri concittadini quella libertà di movimento che oggi è già garantita alla stragrande maggioranza degli europei". Lo dice in una nota Franco Gattinoni, presidente della Federazione Turismo Organizzato, l'associazione di agenzie di viaggi e tour operator di Confcommercio.

"Una piena apertura dell'outgoing, con le giuste regole di sicurezza, consentirebbe al comparto di riguadagnare gli oltre 10 miliardi di fatturato persi - aggiunge Gattinoni - Peraltro questo darebbe una spinta anche all'incoming di turisti stranieri che è comunque crollato rispetto al 2019, a dispetto di una narrazione distorta secondo cui l'estate che sta passando sia stata tutta rose e fiori per il turismo italiano".

"Non si capisce perché oggi ci si possa ammassare nei treni regionali senza green pass e al tempo stesso sia vietato viaggiare in aereo fuori dalla Ue persino per chi ne è munito. L'Italia vive una situazione di handicap competitivo rispetto a Paesi e operatori europei, handicap che continua a colpire le imprese del comparto dopo quasi due anni di enormi difficoltà e che rischia di consegnare in mani straniere un intero settore del nostro turismo", conclude Gattinoni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli