Covid: Gallera, 'io rappresentavo un sistema, decisioni in sintonia con presidente'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 3 mag. (Adnkronos) – "Io ho rappresentato un sistema; ero la figura apicale di un sistema fatto di grandi professionisti. Ogni decisione è sempre stata assunta in sintonia con il presidente, la giunta e i maggiori esperti della Regione Lombardia. Ho dato il massimo, ma poi ho preso atto delle volontà della politica. Ci può stare". A parlare è l'ex assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, che affida all'Adnkronos la sua lettura dei fatti occorsi nell'ultimo anno in Lombardia, con il cambio al vertice dell'assessorato al Welfare, ora guidato da Letizia Moratti e la gestione della pandemia.

"Di fronte all'attacco violento portato avanti con una campagna mediatica e politica tesa a delegittimare e denigrare la Regione -spiega Gallera- qualcuno del nostro schieramento, invece di contrastare questa narrazione falsa, ha fatto propria questa cosa e ha pensato che il cambio di singole persone potesse portare ad invertire la narrazione. Così non è stato".

Nei mesi scorsi, "le cose non sono andate meglio, le modalità con cui la stampa ha raccontato i fatti non sono cambiate". Forse, "si è indugiato troppo nell'ascoltare le ricostruzioni faziose". In ogni caso, aggiunge, "dal punto di vista umano e professionale, per me è stata un'esperienza durissima". La Lombardia "vale uno Stato, in termini di abitanti e di struttura organizzativa; muovere, organizzare o cercare di modificare la rotta a un sistema così complesso, con più di 120mila dipendenti pubblici e circa 30mila privati e 150 mila ospedali, è stato veramente molto complicato. Una grande sfida". Ma "al netto di alcune difficoltà, la macchina organizzativa ha risposto". Del resto, "se andiamo a guardare cosa è successo in altri Stati o in altre regioni, vediamo che sono successe le stesse cose o addirittura peggio, come ad esempio in Germania, che è stata mesi e mesi in lockdown, o in Veneto, che a novembre di quest'anno ha avuto un'ondata che l'ha travolto". "Noi -conclude- abbiamo cercato di gestire tutto al meglio e i risultati che oggi abbiamo evidenziano come il grande sforzo fatto abbia contribuito a salvare molte vite".