Covid, Galli: “Numeri in netto miglioramento, sono stupito”

·1 minuto per la lettura
(Photo by Mairo Cinquetti/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Mairo Cinquetti/NurPhoto via Getty Images)

"Il mio è un compiaciuto stupore perché in Italia i numeri dell'epidemia sono in netto miglioramento, al di là delle più rosee aspettative. Con le riaperture c'era un 10% di probabilità che le cose seguissero questa via, ma alla fine è andata bene e ne sono davvero felice". È quanto ha affermato il direttore delle Malattie Infettive dell'ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, sentito dal Corriere della Sera.

"La campagna vaccinale - ha detto - ha comportato una svolta, che non sarà temporanea. I vaccini stanno facendo da scudo per morti e ricoveri, hanno spostato gli equilibri più velocemente di quanto mi aspettassi e lo zoccolo dei vaccinati sta crescendo ulteriormente. Inoltre l'immunizzazione ha funzionato meglio nel nostro Paese rispetto altrove, in proporzione ai vaccini fatti. Merito anche degli anziani e dei fragili che hanno fatto in modo di esporsi il meno possibile al virus. E mi permetta, merito anche dei costanti inviti alla prudenza, senza assumere posizioni facilone".

VIDEO - Riapre la Sagrada Familia a Barcellona dopo 8 mesi di stop

In riferimento ad una possibile nuova ondata con l'arrivo dell'autunno, come avvenuto lo scorso anno, Galli ha spiegato che "la gente è stanca, in estate si prenderà la sua libertà, ma i vaccini stanno avendo un impatto tale che non credo possibile una nuova ondata autunnale comparabile a quella che abbiamo subito lo scorso anno. A meno di non imbatterci in una nuova variante talmente cattiva, ma spero proprio di no, da eludere la risposta vaccinale. Oggi sappiamo che si possono aggiornare rapidamente i vaccini, se dovesse essere necessario".

VIDEO - Figliuolo: "Dal 3 giugno vaccinazioni aperte a tutte le classi d'età"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli