Covid, Galli: "Svolta con vaccini, non sarà temporanea"

·2 minuto per la lettura

Covid in Italia, oggi a che punto siamo mentre la zona bianca si avvicina? "La campagna vaccinale - spiega il prof Massimo Galli, oggi ospite di Agorà - ha comportato quella che io ritengo essere una svolta, svolta che non sarà temporanea. La nostra relazione con questa malattia - sottolinea - sarà diversa nei prossimi mesi: non abbiamo una soluzione completa del problema, abbiamo un problema che va risolto a livello globale se lo vogliamo lasciare alle nostre spalle, ma comunque abbiamo un andamento che da questo punto di vista ci mette ad avere un'ingerenza meno pesante di questa malattia nel nostro quotidiano e nella prospettiva della ripresa che tutti vogliano possa avvenire".

I parametri fissati dal governo per le zone bianche vanno bene o ci stiamo prendendo troppe libertà? "Mi rifugio ulteriormente - replica Galli - sul discorso riguardante i vaccini che hanno spostato l'equilibrio più rapidamente di quanto mi aspettassi. Quando il 26 aprile sono state riaperte molte cose la situazione non lo lasciava presagire, e invece sono andate bene e ne sono molto felice. C'era il 10% di probabilità che le cose andassero bene e invece, devo dire, è accaduto. Quel che è successo - continua Galli - è che gli italiani, e soprattutto gli anziani, hanno messo in campo comportamenti" migliori "in termini di attenzione e prudenza". Ma "siamo molto lontani dai numeri del Regno Unito, tanto è vero che la reazione di Fauci sulla situazione italiana è stata 'è un buon inizio'. Ora bisognerà vedere cosa andrà fatto da tanti punti di vista, su quello vaccinale con i richiami ad esempio".

"Non la vedo facilissima" la possibilità di vaccinare in vacanza". Ma "vedo la possibilità di una notevole confusione se non si riesce a organizzare le cose come si deve". E' però una "cosa non impossibile in una società moderna ed organizzata", spiega ancora. In ogni caso, per Galli, per garantire la vaccinazione in vacanza "i tempi sono brevi e le procedure dovrebbero essere standardizzate bene. Se salta fuori qualcuno o qualcosa che si rivela capace di farlo molto volentieri. Ma bisogna garantire tutto questo senza confusioni e senza dilazioni o rinvii inutili e teoricamente pericolosi".

"Vaccinare anche bambini e adolescenti, e adesso si potrà fare sugli adolescenti, è importante per togliere al virus la possibilità di circolare", ha poi spiegato il direttore del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano commentando l'attesa pronuncia di oggi dell'Ema per il via libera al vaccino Pfizer per i ragazzi dai 12 ai 15 anni.

"Piaccia o non piaccia - ha aggiunto - i giovani rappresentano un serbatoio importante per questo virus, meno colpiti dal punto di vista della gravità dei quadri clinici, meno facili da infettare certo. Però ultimamente girano varianti che causano infezioni alla grande tra i ragazzi e tra i bambini, per quanto asintomatiche. Infezioni che mantengono in circolo il problema. Siamo lontani dalla mitica immunità di gregge", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli