Covid, Garavaglia: piano vaccini in ritardo, Misiani pensi a governo

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 gen. (askanews) - "Che Gallera abbia sottovalutato l'importanza della fase inziale della vaccinazione è evidente. Bastava mandare infatti qualche medico nelle due Rsa più grandi d'Italia, Il Trivulzio e la Don Gnocchi, per coprire la minima quantità di dosi ricevute. Ciò non toglie che, partita la vaccinazione a regime, la Lombardia in una settimana finirà i vaccini. Questo è il vero problema: il piano di vaccinazione nazionale è in grave ritardo". Lo ha scritto in una nota Massimo Garavaglia, deputato della Lega ed ex assessore in Regione Lombardia.

"Il piano di vaccinazione nazionale è in grave ritardo come ha dimostrato il governo stesso presentando all'ultimo in legge di bilancio un emendamento per assumere 13 mila medici - ha sottolineato Garavaglia - Peccato però che nello stesso emendamento si chiede una selezione dei centri dell'impiego che dovranno fare queste assunzioni. Tradotto: ci vorranno mesi. Gallera ha sbagliato, ma Misiani pensi al governo che sta mettendo in crisi tutto il Paese", ha concluso l'esponente del Carroccio.