Covid: Gasparini, 'bambini non devono essere vaccinati, obbligo così non ha senso a rischio sono gli over 65' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E ancora, i bambini: ''fatte salve le rare eccezioni dei bambini fragili e degli immunodepressi, la malattia si manifesta come un lieve raffreddore o in maniera asintomatica. Non si possono quindi considerare i bambini una categoria prioritaria da vaccinare. E non si possono vaccinare per proteggere i nonni. Andrebbero loro sì vaccinati dato che l'età media dei deceduti è ancora di 80 anni. Ma purtroppo ci sono ancora molti anziani che non sono vaccinati perchè sono impossibilitati a raggiungere i siti di vaccinazione e non tutti possono permettersi un'ambulanza privata per raggiungerli''.

E per fronteggiare meglio la pandemia secondo l'esperto si sarebbe potuta commissionare una ricerca sulla sequenziazione del genoma per capire quale tipo di virus è entrato in Italia. ''Se noi avessimo una situazione chiara -spiega- di chi sono i positivi che finiscono nelle terapie intensive o di chi viene ospedalizzato, ma in tempo reale e quindi se venisse sequenziato il genoma virale di tutti quanti, oggi noi sapremmo se quello che è ricoverato è un soggetto con variante omicron o variante delta o con una nuova variante''. Il professore ricorda che i sequenziamenti ''sono fatti poco, o con risposte tardive''. Viene così a mancare proprio il controllo ''della diffusione dei ceppi e anche la possibilità di prevenire e gestire: perchè se fosse vero come sembra che la delta è molto piu grave della omicron, si potrebbero isolare i malati della delta, mettendoli in un reparto specifico. Ma purtroppo manca il coinvolgimento dei centri che in Italia sono in grado di sequenziare centinaia e centina a di genomi virali alla settimana''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli