Covid, Gb al terzo lockdown. Johnson: "So che è frustrante"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Voglio dire a tutti nel Regno Unito che so quanto è dura, so quanto siete frustrati, so che ne avete più che abbastanza delle indicazioni del governo per sconfiggere questo virus. Ma ora più che mai, dobbiamo collaborare". Lo ha dichiarato su Twitter il primo ministro britannico, Boris Johnson, all'indomani dell'annuncio del terzo lockdown nazionale nel Regno Unito per frenare i contagi.

"Ogni vaccino che va nelle nostre braccia, togliamo chance al Covid a vantaggio del popolo britannico - ha aggiunto Johnson - E grazie al miracolo della scienza non solo vediamo la fine ma sappiamo esattamente come arrivarci". "Per ora, temo, dovete stare di nuovo a casa, proteggere l'Nhs (il sistema sanitario nazionale, ndr) e salvare vite umane", ha concluso.

Intanto il ministro per l'Ufficio di Gabinetto, Michael Gove, fa sapere che l'allentamento delle restrizioni in Gran Bretagna potrebbe iniziare solo a marzo. "Non possiamo prevedere con certezza che saremo in grado di revocare le restrizioni nella settimana dal 15 al 22 febbraio", ha dichiarato a 'Sky News' Gove, commentando le parole del primo ministro Boris Johnson, secondo il quale sarebbe possibile allentare le restrizioni da metà febbraio se nel frattempo le categorie più a rischio saranno state vaccinate.

"Penso sia giusto dire che a marzo dovremmo essere in grado di revocare alcune di queste restrizioni, ma non necessariamente tutte", ha aggiunto il ministro.