Covid: Gelmini, 'immunità gregge tra agosto e settembre, no errori ora'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 apr. (Adnkronos) – Le riaperture decise dal governo "ci consentono di guardare al futuro con ottimismo cauto, ma non è il momento del liberi tutti", saranno "graduali e in sicurezza, non possiamo permetterci errori ora". Lo dice la ministra per gli Affari regionali Maria Stella Gelmini ospite de 'Il caffé della domenica' su Radio24.

Gelmini fa il punto sulle vaccinazioni. "Siamo passati da 150mila a 350 mila – ricorda – dobbiamo arrivare tra fine aprile e i primi di maggio a 450-500mila somministrazioni al giorno. Dopo le difficoltà iniziali le regioni stanno correndo sulle categorie prioritari", "stanno vaccinando a ritmo serrato. Questo ci consentirà, nell'arco di un paio di mesi, di raggiungere l'immunità di gregge tra agosto e settembre. Ma gli spazi di libertà conquistati non dobbiamo vanificarli", raccomanda il ministro appellandosi al "senso di responsabilità dimostrato dagli italiani".