Covid: Gen. Guarino (Carabinieri Palermo), 'nella pandemia diminuiti i furti ma boom di scippi'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 11 apr. (Adnkronos) – Diminuiscono i furti e le rapine ma aumentano gli scippi, soprattutto quelli più violenti e i tentati omicidi. A un anno dall'inizio della pandemia il Comandante provinciale dei Carabinieri di Palermo, il generale Arturo Guarino, fa un resoconto e traccia un bilancio dei numeri all'Adnkronos. "Abbiamo fatto un confronto con l'anno precedente, cioè con i dati di marzo 2020 e abbiamo potuto constatare che nel marzo 2021 sono nettamente diminuiti i reati contro il patrimonio in tutta la provincia di Palermo- spiega – Abbiamo registrato un calo del 33 per cento di furti e del 35 per cento di rapine in meno. In particolare sono diminuiti i furti, un dato questo collegato alla minore movimentazione delle persone".

I numeri: al marzo del 2020 i furti registrati erano 12 mila e sono passati a circa ottomila in un anno. Sono così diminuiti anche i furti "collegati alla minore movimentazione delle persone", dice Guarino, dai furti su auto in sosta o negli esercizi commerciali o nelle in abitazioni, e c'è stato un calo dei furti con destrezza.

"La gente, per ovvi motivi – dice il generale Guarino – è uscita di meno. Il ladro di appartamento ha più difficoltà perché le persone escono meno. Girano meno persone, ovviamente. La contrazione dei furti si aggira intorno al 33 per cento". Sono, però, aumentati, in tutta la provincia, gli scippi, sono reati di natura più violenta. "C'è stato un aumento del 23 per cento anche se i numeri non sono alti- dice il generale Guarino – Siamo passati da 141 a 174 scippi. E la città, rispetto ai reati ordinari, è abbastanza tranquilla rispetto ad altre città metropolitane". Sono anche calate le rapine. "Sfioriamo il 35 per cento in meno di rapine – dice il Comandante provinciale – e questo è il dato più significativo". Mentre aumentano i tentati omicidi, "ma sono numeri in valore assoluto che non sono significativi", spiega il generale Guarino.