Covid, Germania: chi è no vax potrebbe non ricevere le cure

·1 minuto per la lettura
Covid Turingia
Covid Turingia

La situazione in Germania e più nello specifico, nel Land della Turingia si sta facendo sempre più preoccupante. A seguito del significativo aumento dei contagi, la disponibilità di posti letto nell’area starebbe lentamente venendo sempre meno. Ciò avrebbe portato il Primo Ministro della Turingia Bodo Ramelow a valutare misure drastiche. Chi non si vaccina potrebbe vedersi negato le cure nell’ospedale della regione.

Covid Turingia, cure negate a chi non ci vaccina

Proprio sulla dispniibilità di posti letto negli ospedali che si starebbe man mano assottigliando, il primo ministro della Turingia ha affermato che quella a cui si starebbe assistendo sarebbe una sorta di “Pandemia per i non vaccinati”. In particolare la testata Bild ha annunciato: “Non saremo più in grado di garantire a chi arriva in ospedale da non vaccinato che verrà comunque curato qui”.

Covid Turingia, il Ministro della Salute Jens Spahn: “Davanti a noi abbiamo settimane difficili”

Nel frattempo il Ministro della Salute tedesco Jens Spahn, ha annunciato che queste settimane potrebbero rivelarsi molto dure: “Davanti a noi abbiamo settimane molto difficili […] Vogliamo evitare le misure dello scorso inverno”. Ha quindi aggiunto: “Ma perché ciò sia possibile, questa ondata deve essere fermata. Alla fine, dipende da ciascuno di noi”.

Covid Turingia, verso terza dose vaccino per tutti

Contestualmente il Ministro della Salute tedesco ha reso noto che la somministrazione della terza dose del vaccino dovrebe essere estesa a tutti: “La dose booster dopo sei mesi deve diventare la regola e non l’eccezione”. Intanto il Koch Institute ha rilevato nella mattinata di venerdì 5 novembre 37.120 mila casi segnando oltre tremila contagi in più rispetto alle 24 ore precedenti. Sarebbero invece 124 i nuovi decessi su un totale di 96.346.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli