Covid, Giacobbe scrive a Draghi: vaccinare iscritti Aire in Italia

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 mar. (askanews) - Dopo i vari appelli e le interrogazioni, il senatore dem eletto all'estero, Francesco Giacobbe, ha scritto al presidente Mario Draghi per - si legge in una nota - sensibilizzarlo sulla necessità di vaccinare i cittadini italiani iscritti all'AIRE temporaneamente in Italia.

Il senatore nella sua lettera ha ricordato che ai cittadini italiani con residenza all'estero emigrati o titolari di pensione che rientrano temporaneamente in Italia la legge riconosce, a titolo gratuito, solo le prestazioni ospedaliere urgenti e per un periodo massimo di 90 giorni per ogni anno solare.

"Oggi la situazione è di urgenza e la vaccinazione contro il COVID - spiega - deve far parte delle prestazioni sanitarie urgenti. Mi appello al diritto alla salute di tutti i cittadini italiani e soprattutto dei nostri concittadini iscritti all'Aire che si trovano temporaneamente in Italia che a causa delle restrizioni dei trasporti internazionali non riescono a tornare nel proprio Paese di residenza".

Infine, il senatore ha voluto sottolineare come "il nostro sistema sanitario nazionale, uno dei migliori al mondo, abbia il dovere di aiutare tutti i cittadini".