Covid: Giannini (Unesco), 'educazione e cultura settori drammaticamente colpiti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 15 apr. (Adnkronos) – "Ci sono stati due settori pubblici drammaticamente colpiti dalla crisi sanitaria, uno è quello dell'educazione e l'altro è quello della cultura". Lo ha detto l'ex ministra Stefania Giannini, vicedirettore generale Unesco per il settore Educazione, intervenendo a 'La Metamorfosi di Europa'', la Conferenza Stampa di presentazione della Seconda edizione della Taormina-Messina Conference sul futuro dell'Europa nell'ambito di Taobuk, ideato e diretto da Antonella Ferrara, che si terrà dal prossimo 17 al 21 giugno. "Proprio l'Unesco ha messo a disposizione i numeri dell'intera comunità internazionale, 1,6 miliardi di studenti che sono passati in un attimo dall'insegnamento tradizionale a un insegnamento a distanza e quelli meno fortunati a una sospensione al diritto dell'istruzione- dice – e la cultura è l'altro settore drammaticamente colpito".

La prossima settimana l'Unesco lancerà un rapporto sulla diminuzione, ovvia e forzata, dei musei e dei luoghi della cultura". "Questa situazione, senza precedenti, ci da anche delle opportunità di riflessione, ci obbliga al cambiamento, ci obbliga a ripensare e a cogliere quella 'faccia positiva' che ogni crisi porta. E questo è quello che si deve fare, oggi. Imparando una delle lezioni che abbiamo tutti appreso, che non c'è una soluzione che ogni paese può trovare da solo e neppure nessuna regione, l'Europa è una macroregione".

"Quindi, credo che la prima lezione da prendere è valorizzare il multilateralismo che forse deve trasformarsi, mi auguro che ci sia un nuovo multilateralismo che esce dalla crisi, dice.