Covid, Gimbe: rallenta la velocità di crescita di nuovi casi

Ska
·2 minuto per la lettura

Roma, 19 nov. (askanews) - Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE conferma nella settimana 11-17 novembre, rispetto alla precedente, una stabilizzazione nell'incremento del trend dei nuovi casi (242.609 vs 235.634), a fronte di una lieve riduzione dei casi testati (854.626 vs 872.026) e di un lieve aumento del rapporto positivi/casi testati (28,4% vs 27%). Crescono del 24,4% i casi attualmente positivi (733.810 vs 590.110) e, sul fronte degli ospedali, si registra un ulteriore incremento dei pazienti ricoverati con sintomi (33.074 vs 28.633) e in terapia intensiva (3.612 vs 2.971); aumentano del 41,7% i decessi (4.134 vs 2.918). In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: Decessi: 4.134 (+41,7%); Terapia intensiva: +641 (+21,6%); Ricoverati con sintomi: +4.441 (+15,5%); Nuovi casi: 242.609 (+24,4%); Casi attualmente positivi: +143.700 (+24,4%); Casi testati -17.400 (-2%); Tamponi totali: +45.051 (+3,1%). "Per interpretare correttamente i termini 'rallentamento', 'raffreddamento', 'frenata' che nell'ultima settimana hanno invaso anche la comunicazione istituzionale - spiega il Presidente - è indispensabile sottolineare la netta differenza tra l'incremento percentuale dei nuovi casi ed il loro aumento in termini assoluti. Altrimenti, si finisce per "torturare i numeri sino a farli confessare", enfatizzando timidi miglioramenti per limitare restrizioni e legittimare riaperture". Infatti, se nell'ultima settimana si registra un'ulteriore riduzione dell'incremento percentuale dei nuovi casi (dal 31% al 24,4%), questi sono comunque aumentati di 242.609 rispetto alla settimana precedente. Infatti, se da un lato in tutte le Regioni, eccetto la Puglia, si riduce l'incremento percentuale dei casi, dall'altro i casi attualmente positivi aumentano ovunque tranne che in Valle D'Aosta. "Le misure di contenimento introdotte - spiega il Presidente - non hanno affatto 'appiattito' la curva dei contagi che continua a salire, seppure con velocità ridotta, analogamente a quella dei ricoverati con sintomi e delle terapie intensive. Il contagio, in sostanza, è come un'automobile che, dopo avere accelerato la corsa per settimane (incremento percentuale dei casi), ora viaggia ad una velocità molto elevata ma costante (numero di casi settimanali), nonostante abbia ridotto l'accelerazione".