Covid: giudici contro nell'Anm, 'nota colleghi errore madornale, rischiamo Castopoli' (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Nella grave situazione di emergenza epidemiologica in atto è certamente necessario l’impegno di tutti per individuare le migliori soluzioni per la salvaguardia dell’esercizio della giurisdizione, essenziale per il funzionamento e l’esistenza stessa dello Stato – dicono i magistrati dell'Anm -Tuttavia, per l’Anm, il modo per farlo non è certo quello, populistico, che si lascia travolgere da un eccesso di parossismo preelettorale (si vota per le suppletive del Csm fra meno di 15 giorni) e trascura le regole statutarie poste a garanzia della stessa democraticità dell’Anm".

"Occorrerebbe agire nel confronto e con il coinvolgimento di tutte le categorie interessate, seguendo come stella polare il fondamentale principio di uguaglianza e, per questa via, sapendo distinguere tra le differenti situazioni di rischio, che pure esistono nell’ambito del servizio giustizia". "Invece, perdendo ogni contatto con la realtà, la Gec rischia di far sì che la magistratura sia vista dall’opinione pubblica non solo, a causa degli scandali ai quali non si è ancora iniziato a porre rimedio, come “magistropoli” ma persino come “castopoli”. Chiediamo, pertanto, che la Gec faccia emenda di questo clamoroso errore e che la questione sia portata alla valutazione della prossima riunione del Comitato Direttivo Centrale, da convocarsi con la massima urgenza", concludono i magistrati di Centouno.