Covid, Gori: Bergamo non molla, presenza Draghi ci dà fiducia

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bergamo, 18 mar. (askanews) - "Bergamo non ha mai mollato, e non mollerà". E dopo "la carezza" rappresentata dalla presenza nel giugno scorso del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, oggi la presenza di Mario Draghi "ci comunica fiducia". Lo ha detto il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, inaugurando il Bosco della Memoria in ricordo delle vittime del coronavirus.

"Lo Stato c'è, e oggi ha voluto manifestarci la sua vicinanza", con la presenza del presidente del Consiglio per la prima Giornata della memoria. Presenza che "ci comunica fiducia per l'efficienza della campagna di vaccinazione, per i ristori, per il migliore utilizzo delle risorse della Ue", ha spiegato Gori.

Dalla città simbolo della prima ondata, con le immagini dei camion militari carichi di bare che proprio un anno fa sfilavano per le vie di Bergamo, arriva dunque oggi "un messaggio di positività e speranza" verso il Paese, con l'inaugurazione di "un'opera viva, un monumento che respira", appunto un bosco che alla fine dell'estate conterà 850 piante, nel Parco della Trucca "a pochi metri dall'ospedale GIOvanni XXIII, la trincea" della prima ondata.

Certo, ha detto Gori, "avremmo voluto un prato pieno di persone, ma no ci siamo ancora: ci siamo quasi ma non ci siamo ancora. I contagi risalgono, ci sono nuove restrizioni". L'inaugurazipone del bosco avviene allora con un protocollo di sicurezza severo, ma "grazie presidente Draghi per aver voluto paertecipare al ricordo dei nostri morti"; di cui - ha sottolineato Gori - non si sa neanche il numero esatto, visto che molti "sono morti senza una diagnosi". Dunque non si poteva fare un memoriale, "avremmo sicuramente dimenticato qualcuno", ed è stata scartata anche l'idea di un monumento artistico. Si è scelto dunque, insieme alla Associazione dei Comuni Virtuosi, il bosco: "Un'opera che vive, un monumento che respira", in cui il sidnaco Gori immagina in futuro "incontri, laboratori per i bambini, visite scolastiche".