Covid: green pass arriva in tutti posti lavoro, ecco decreto in pillole

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 set. (Adnkronos) – “Questo decreto è per continuare ad aprire”. Con queste parole il premier Mario Draghi accompagna il via libera, all'unanimità, del decreto che porta il green pass in tutti i posti di lavoro, del pubblico e del privato, senza alcuna esclusione. Ma cosa prevede, nel dettaglio, il dl? Ecco le maggiori novità in 'pillole'.

Innanzitutto le misure entrano in vigore dal 15 ottobre e si applicano, come ormai noto, a tutti i lavoratori delle Amministrazioni pubbliche e del settore privato. Sono previste anche sanzioni: da 600 a 1500 euro per i lavoratori e da 400 a 1000 euro per i datori di lavoro. I controlli a carico dei datori di lavoro. Anche gli organi costituzionali, dunque Quirinale, Camera, Senato e Corte Costituzionale, devono adeguare il proprio ordinamento alle nuove disposizioni.

Il prezzo dei tamponi è stato calmierato: obbligo alle farmacie di test antigenici rapidi a prezzi contenuti. Gratuità dei tamponi per coloro che sono stati esentati dalla vaccinazione. C'è inoltre la disponibilità a riesaminare le misure di distanziamento e valutare l'aumento della capienza per i luoghi che ospitano attività sportive e culturali, come cinema e teatri. In merito il Cts si esprimerà entro il 30 settembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli