Covid: Guzzetta, 'a cena fino alle 22 o a casa a quell'ora? Serve chiarimento Draghi' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – In secondo luogo, il Dpcm del 2 marzo 2021 "che continua ad applicarsi nella misura in cui non sia derogato da un decreto legge, prevedeva già che i servizi di ristorazione potessero essere erogati fino alle 22 per l'attività d'asporto. Dunque il problema di cui si discute oggi, si poneva prima e sarebbe irrazionale consentire fino alle 22 l'asporto e non la cena perché asportare sarebbe più permissivo di cenare".

"Tra l'altro sarebbe paradossale che per l'asporto si possa erogare il servizio fino alle 22, mentre per la ristorazione si debba concludere in un momento precedente variabile a seconda della distanza tra l'abitazione e l'esercizio commerciale". Terzo punto: "io sono in condizione di provare con la documentazione fiscale da dove provengo, dunque se sono andato al ristorante. E sarebbe anche calcolabile la distanza tra il ristorante ed il mio domicilio, dunque posso provare la necessità del rientro a casa dopo le 22, rientrando in un caso di deroga al divieto di circolazione dopo le 22. Ciò – conclude – è rilevante nello spirito di un'interpretazione meno lesiva dei diritti di circolazione e dell'iniziativa economica".

(di Roberta Lanzara)