Covid, Iata:Governi devono ripristinare la fiducia dei viaggiatori

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Doha, 20 giu. (askanews) - La pandemia del Covid 19 ha impattato molto pesantemente sul settore del trasporto aereo mondiale. La Iata, l'Associazione internazionale del trasporto aereo, nel corso del Meeting annuale in corso a Doha, ha fatto il punto della situazione con Conrad Clifford, vicedirettore generale della Iata. L'Associazione ha invitato i governi ad fare tesoro le lezioni apprese a seguito delle ingenti restrizioni alla connettività globale causate dal Covid-19 in modo da garantire che le future minacce sanitarie globali possano essere gestite efficacemente senza ricorrere a nuove chiusure delle frontiere e ripristinando la fiducia dei viaggiatori.

L'Organizzazione mondiale della sanità ha da tempo evidenziato che la chiusura delle frontiere non è un mezzo efficace per gestire una pandemia globale. L'evidenza osservata durante la pandemia lo ha dimostrato. La Iata ha ricordato come la maggior parte dei governi abbia ignorato questo consiglio, agendo senza il minimo coordinamento con l'industria del trasporto aereo e altri governo, mettendo in atto misure per limitare i viaggi. Ciò ha fatto crollare i collegamenti aerei globale con enormi conseguenze economiche e umane.

Inoltre, il riavvio della connettività globale è stato reso più difficile perché i governi continuano a privilegiare le soluzioni locali rispetto agli standard globali. I continui cambiamenti di politica da parte dei governi hanno lasciato alla maggior parte del settore poco tempo per prepararsi alla ripresa. E i viaggiatori internazionali non possono che vedere lo sforzo globale per gestire la pandemia come illogico e mal coordinato di fronte a risposte politiche molto diverse a un problema comune.

"È fondamentale ripristinare la fiducia del pubblico nella gestione delle crisi sanitarie e delle restrizioni alle frontiere da parte dei govern - ha dichiarato Clifford - gran parte dei danni non sono stati causati dalla paura del virus, ma dalle improvvise e arbitrarie restrizioni alle frontiere imposte dalle autorità. Comprendere gli importanti insegnamenti tratti dalla pandemia sarà fondamentale per gestire le future crisi sanitarie in modo da garantire che le frontiere non debbano essere chiuse di nuovo",

Nel dettaglio, ha spiegato la Iata, con la ripresa del traffico aereo dopo oltre due anni di crisi, sono emerse tre lezioni fondamentali per i governi.

- L'evidenza ha confermato che le misure di confine non sono una strategia globale efficace per controllare una pandemia: l'Oms sostiene da tempo che la chiusura delle frontiere non è una soluzione alle crisi sanitarie. I dati confermano questa tesi. Una ricerca condotta da OXERA/Edge Health ha rivelato che, anche se venisse scoperta una nuova variante di COVID e venissero introdotte immediatamente restrizioni ai viaggi, ciò ritarderebbe il picco di infezioni solo di quattro giorni al massimo. Sebbene la maggior parte delle restrizioni principali, come la chiusura totale delle frontiere e le quarantene, siano state rimosse e il mondo sia sempre più aperto, i governi continuano a rendere i viaggi inutilmente difficili. In alcune giurisdizioni sono ancora richieste restrizioni come la compilazione di complicati documenti sanitari, l'esecuzione di test Covid e l'uso di maschere, nonostante tali requisiti siano stati aboliti nella vita nazionale. Il Direttore generale dell'Oms ha dichiarato: "Non c'è motivo di adottare misure che interferiscono inutilmente con i viaggi e il commercio internazionale. Chiediamo a tutti i Paesi di attuare decisioni coerenti e basate su prove". Appoggiamo questo consiglio.

- I governi dovrebbero bilanciare le misure sanitarie con gli impatti economici e sociali: sebbene le prove a favore delle restrizioni non siano dimostrate, gli impatti della riduzione della connettività aerea sono chiari. I politici devono quindi bilanciare i benefici economici e sociali della connettività aerea con la necessità di restrizioni ai viaggi per motivi di salute. Nel 2019, l'aviazione ha sostenuto quasi 40 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo e ha sostenuto 3,5 trilioni di dollari di Pil globale. E la comprensione dell'importanza economica della connettività aerea da parte del pubblico è elevata: il 92% dei viaggiatori concorda sul fatto che la connettività aerea sia "fondamentale" per l'economia (come rilevato dall'ultimo sondaggio Iata sui passeggeri). Durante la pandemia, l'87% dei passeggeri intervistati (settembre 2021) ha concordato sulla necessità di trovare il giusto equilibrio tra la gestione dei rischi Covid e la ripresa dell'economia. Anche gli impatti sociali sono stati significativi. L'erosione delle libertà di viaggio ha comportato la perdita di innumerevoli opportunità di connessione. Nell'ultimo sondaggio Iata sui passeggeri, due terzi delle persone concordano sul fatto che "la qualità della vita ha sofferto a causa delle restrizioni ai viaggi aerei Covid".

"Esortiamo i governi ad ascoltare i consigli dell'OMS sulla necessità di mantenere aperte le frontiere. E chiediamo una ricerca indipendente sull'efficacia delle politiche che bilanciano le misure sanitarie con i benefici sociali ed economici della connettività aerea, al fine di concordare una serie di raccomandazioni globali per gestire le future crisi sanitarie", ha dichiarato Clifford.

- La fiducia dei viaggiatori richiede regole logiche e comunicazioni chiare: la fiducia del pubblico è compromessa da regole arbitrarie e da informazioni carenti o contraddittorie. Ma per tutta la durata della pandemia, le regole e la comunicazione sulle restrizioni alle frontiere sono state confuse e illogiche. Ad esempio, nel gennaio 2022 erano in vigore circa 100.000 misure diverse che riguardavano i viaggi internazionali. Navigare in questo sistema frammentato di misure ha confuso i viaggiatori e ha causato grandi complessità operative per gli operatori. L'indagine Iata sui passeggeri mostra perché è importante che i governi adottino un approccio coerente alle regole di viaggio. Circa il 59% delle persone riferisce che "capire le regole è stata una vera sfida", il 57% che "organizzare le pratiche burocratiche è stata una sfida" e il 56% che "l'esperienza di viaggio è stata molto meno conveniente". Le regole sull'uso delle maschere a bordo sono sempre più considerate superflue. La maggioranza dei passeggeri ritiene che la mascheratura dovrebbe essere abolita del tutto o non dovrebbe essere richiesta se è stata revocata per altri ambienti come gli uffici.

Secondo la Iata, per dare al pubblico una maggiore fiducia nella prevedibilità dei viaggi, i governi dovrebbero: adottare una guida su come le misure di salute pubblica, una volta introdotte, saranno rimosse; semplificare e digitalizzare la burocrazia e le pratiche di viaggio con standard comuni e il riconoscimento reciproco delle credenziali sanitarie digitali.

"Già il 71% dei viaggiatori ritiene di dover viaggiare come prima della pandemia. Con l'accelerazione del ritorno alla normalità, torneremo a un mondo in cui le nostre maggiori preoccupazioni si concentrano sulla crescita sostenibile dell'aviazione. Ma questo non significa che i governi e l'industria debbano dimenticare le lezioni di questa pandemia. Ci saranno altre minacce alla salute globale. Applicare le lezioni della pandemia COVID-19 alle future crisi sanitarie è il modo migliore per garantire che i sacrifici di milioni di persone non siano stati fatti invano", ha concluso Clifford.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli