Covid: Iezzi (Lega), 'basta toni esasperati, serve confronto sul merito'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 set. (Adnkronos) – “E’ una giornata particolare. Ovviamente le manifestazioni devono sempre essere garantite, ma devono svolgersi pacificamente. Sarebbe sbagliatissimo se i manifestanti bloccassero i treni e impedissero ad altri cittadini di usufruire del diritto a spostarsi. In queste settimane i toni sono stati esasperati da parte dei no vax, ma anche da una parte dell’informazione che ha trattato come terroristi delle persone che magari hanno delle perplessità sui vaccini o sull’obbligo di green pass. Ghettizzare queste persone e criminalizzarle significa che poi magari queste persone cercano delle altre vie d’ascolto, non legittime e sbagliate, ma il rischio c’è". Lo ha affermato Igor Iezzi, capogruppo della Lega in commissione Affari costituzionali della Camera, ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

"Quindi -ha aggiunto l'esponente del Carroccio- bisognerebbe riportare il dibattito su temi di merito, non ci sono dittature sanitarie, non ci sono terroristi pronti a distruggere lo Stato, ci sono persone che la pensano talvolta in maniera differente. Esprimo la mia solidarietà e vicinanza ai giornalisti che sono stati aggrediti, però dobbiamo un po’ abbassare i toni tutti, perché nel momento in cui si pensa che un gruppo di persone stiano facendo del terrorismo perché non si vaccinano ci si pone nei loro confronti in maniera sbagliata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli