Covid, il Ministero dell’Interno ha registrato un migliaio di multe in un giorno

·2 minuto per la lettura
Covid
Covid

Secondo quanto comunicato dal Viminale, nella giornata di sabato 7 novembre, il numero delle multe dovute alla violazione delle regole anti-contagio sono più che raddoppiate rispetto al giorno precedente.

Sanzioni e multe del nuovo Dpcm

Dato il testo del nuovo Dpcm, entrato in vigore venerdì 6 novembre, coloro che non seguiranno le disposizioni in esso contenute riceveranno una multa di importo variabile tra i 400 e i 1.000 euro. Coloro che, invece, verranno meno all’obbligo di isolamento fiduciario e di quarantena in caso di sospetta o confermata positività al coronavirus, rischieranno di essere denunciati per epidemia colposa. In questo caso, infatti, chi sceglie di sottrarsi all’obbligo di isolamento fiduciario e di quarantena potrà incorrere in una sanzione penale che prevede un periodo di detenzione dai 3 ai 18 mesi e il pagamento di un’ammenda la cui cifra sarà compresa tra i 500 e i 5.000 euro.

Viminale, un migliaio di multe in 24 ore

Il Ministero dell’Interno si sta occupando di raccogliere tutti i dati relativi ai controlli effettuati per garantire il contenimento dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. Secondo le informazioni rilasciate dal Ministero, nella giornata di sabato 7 novembre, sono stati multati circa un migliaio di cittadini in tutta Italia per aver violato le limitazioni imposte dalle regole anti-contagio. Il numero diffuso dal Viminale risulta, pertanto, raddoppiato rispetto a quello registrato nella giornata di venerdì 6 novembre.

In particolare, il 7 novembre sono stati compiuti 69.111 controlli. Tra le persone soggette ad accertamento, 944 sono state sanzionate mentre 110 sono state denunciate in quanto colpevoli di non aver rispettato la quarantena, pur nella consapevolezza di essere risultate positive al coronavirus. Gli esercizi ispezionati, invece, sono stati in totale 11.654. In questo caso, i titolari sanzionati sono stati 139 mentre sono stati emanati 52 provvedimenti di chiusura.