Covid, il no vax pentito: "Ho sbagliato tutto, non fate come me"

·2 minuto per la lettura

"Il Covid esiste ed è bruttissimo", "non è uno scherzo". "Ve lo dico dal profondo del cuore per quello che ho visto nella rianimazione: vaccinatevi". E' l'appello accorato di Vincenzo, 48 anni. L'uomo parla dal letto di un ospedale, fa fatica a respirare. Non si è vaccinato contro Covid-19 ed è stato intubato per un lungo periodo. Ora sta meglio e si rivolge proprio a chi come lui ha deciso di non fare l'iniezione. "Non fate come me, io ho sbagliato tutto, ho sbagliato a non vaccinarmi. Se potessi tornare indietro mi vaccinerei subito", ripete. A postare il video è stato l'infettivologo Matteo Bassetti, sulla sua pagina Facebook.

Vincenzo "piano piano recupererà, presto andrà a casa", ora "è negativo al virus", racconta il direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, spiegando il motivo per cui non è bardato mentre si trova nella stanza col paziente e augurandogli in bocca al lupo. "Spero che serva" questo messaggio "a tante persone, per convincerle" dell'importanza di proteggersi, osserva l'esperto.

Sovrappeso e con diabete: per queste condizioni Vincenzo era sulla carta particolarmente a rischio di sviluppare una forma di Covid grave, ha spiegato Bassetti, ma ha deciso comunque di non vaccinarsi. Ora porta la sua testimonianza, nella convinzione che forse il suo messaggio possa essere preso sul serio dai negazionisti, da chi è ancora scettico riguardo alla portata della malattia, all'insidiosità del coronavirus Sars-CoV-2. "Io vi posso dire solo una cosa: vaccinatevi perché il Covid è bruttissimo. Io sto ancora a letto, non riesco a muovermi bene. Però grazie ai dottori mi sto riprendendo. Quindi vaccinatevi, perché è importantissimo. Ragazzi, non è uno scherzo, lo giuro sui miei figli", incalza l'uomo.

"Il processo di recupero", aggiunge, "è molto, molto lungo. Spero solo che mi possiate capire". "Speriamo davvero" che serva, continua Vincenzo. "Le persone hanno bisogno di non credere alle fake news", ma "ai professori, perché veramente sono persone competenti. Non state a credere alle sciocchezze, la calamita, eccetera", dice riferendosi in particolare a una delle bufale che è circolata di più in Rete, con tanto di immagini della calamita che si attacca al braccio dopo l'iniezione anti-Covid. "Vaccinatevi", ripete più volte il paziente. "Io ho convinto già, oltre alla mia famiglia, 6 persone", dice Vincenzo. "E spero di convincerne ancora di più quando esco", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli