Covid, il pediatra: "Dialogare per convincere giovani a vaccinarsi"

·2 minuto per la lettura
Castelli Gattinara vaccino adolescenti
Castelli Gattinara vaccino adolescenti

Il pediatra del Bambin Gesù Guido Castelli Gattinara si è espresso sulla necessità di spingere gli adolescenti a vaccinarsi tanto che egli stesso si sta occupando di un progetto per la promozione della vaccinazione nelle scuole: i minorenni, ha spiegato, anche se si infettano più raramente, non sono esenti da conseguenze gravi.

Castelli Gattinara sul vaccino agli adolescenti

Intervistato dal Corriere della Sera, l’esperto ha affermato che non c’è alcuna ragione di mettere a rischio la salute degli adolescenti quando si ha a disposizione uno strumento di prevenzione così efficace e sicuro come il vaccino. Oltretutto, ha aggiunto, questo non protegge soltanto il ragazzo ma la famiglia intera, specie se ci sono persone fragili, e la comunità adulta. “Il 20% della popolazione ha meno di 18 anni, quindi un numero consistente di soggetti che potrebbero sostenere, se non vaccinati, la circolazione del virus“, ha evidenziato.

Per quanto riguarda lo studio israeliano che sospetta un possibile legame tra rare miocarditi nei giovani e il vaccino Pfizer (un casoogni 3mila o 6mila in maschi di età tra 16 e 24 anni), Castelli Gattinara ha spiegato che si tratta di un’ipotesi che deve trovare conferme convincenti. Non è provato infatti che si tratti di conseguenze post vaccinazione ma è solo un’osservazione che ha bisogno di approfondimenti. La maggior parte dei casi di miocardite rilevati sono stati inoltre di lieve gravità e risolti con terapie mediche.

Castelli Gattinara sul vaccino agli adolescenti

Per ciò che riguarda l’approccio dei genitori nei confronti dei ragazzi, ha evidenziato che questi ultimi ragazzi vanno informati senza imporre loro la vaccinazione come un atto coercitivo. Il loro eventuale dissenso andrebbe tenuto in considerazione e superato con il dialogo, senza forzature che potrebbero essere anche traumatiche.

Castelli Gattinara sul vaccino agli adolescenti: gli effetti collaterali

Per ciò che riguarda infine gli effetti collaterali dei vaccini sugli adolescenti, Castelli Gattinara ha spiegato che sono più o meno gli stessi degli adulti e più marcati dopo la seconda dose. Si tratta dunque di febbre, dolori muscolari, stanchezza e brividi. Normalmente insorgono dopo qualche ora dall’inoculazione e durano mezza giornata. Il suo consiglio è quello di aspettare che passino senza prendere farmaci, al massimo un antipiretico per abbassare la febbre se sale troppo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli