Covid, il Presidente della Regione Veneto: anche i veterinari potranno eseguire i test

·2 minuto per la lettura
Zaia veterinari tamponi
Zaia veterinari tamponi

“L’uomo è un mammifero, tutti i mammiferi hanno sette vertebre cervicali, allattano il neonato, e i veterinari sono esperti di questo”. Questa è la premessa che avrebbe dato il Governatore della Regione Veneto Luca Zaia nell’annunciare che anche i veterinari presenti in Veneto potranno mettersi a disposizione per effettuare i tamponi. Un annuncio dato dal fatto che la pressione ospedaliera sta aumentando sempre di più. Non solo. Con questa disposizione il Presidente Zaia mira a ridurre le attività nei centri Covid, andando in questo modo a salvaguardare i pazienti oncologici e i punti nascita così come da lui stesso dichiarato durante la conferenza stampa. Infine Zaia ha annunciato l’apertura della terapia intensiva a Jesolo.

Zaia, convocati veterinari per fare i tamponi

“Ho dato disposizione di convocare i rappresentanti dei 2.450 veterinari in Veneto per fare i tamponi“. Questo è ciò che ha dichiarato il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia nel corso della conferenza stampa. Si tratterebbe di un annuncio nato dal fatto che come sostiene Zaia l’uomo è un mammifero e di conseguenza non ci sarebbe “nulla di trascendentale pensare di fare un percorso con i veterinari, se fossero disponibili per fare i tamponi”, ha precisato.

La chiamata dei veterinari è inoltre legata al fatto che la pressione negli ospedali sta diventando sempre più critica. “La pressione ospedaliera è il vero tema che dobbiamo affrontare. Anche stamattina abbiamo avuto diversi incontri in videoconferenza per fare il punto della situazione. C’è pressione sugli ospedali: questa è la risposta che diamo agli scettici, a chi dice che è una cosa mediatica”. Ha inoltre dichiarato che a breve potrebbe essere aperta la terapia intensiva a Jesolo: “Stiamo aprendo la terapia intensiva a Jesolo. Adesso ancora per 12-13 giorni avremo le montagne russe ma si va avanti in questa direzione”.