Covid, il Regno Unito ancora escluso da lista Ue dei Paesi sicuri

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 giu. (askanews) - Restrizioni anti Covid attendono i turisti britannici in viaggio verso l'Ue quest'estate. Lo scrivono i media britannici dopo che i 27 hanno aperto ad altri Paesi, Stati Uniti compresi, continuando ad escludere il Regno unito dalla lista dei Paesi sicuri.

Otto sono le nazioni aggiunte a un elenco di Paesi dove, secondo l'Ue, i viaggi non essenziali sono sicuri. Si tratta di Albania, Macedonia del Nord, Serbia, Libano, Stati Uniti, Taiwan, Macao e Hong Kong che si uniranno ad Australia, Israele, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud, Thailandia e Cina in una "lista bianca".

Fonti diplomatiche hanno affermato che mentre il livello di casi del Regno Unito per 100.000 persone rientra nei criteri per l'inclusione nell'elenco, la crescita esponenziale dei casi della variante Delta si è rivelata un ostacolo. Si ritiene che il nuovo ceppo rappresenti oltre il 90% dei nuovi casi nel Regno Unito mentre in Paesi come Belgio o Francia dovrebbe essere dell'ordine rispettivamente dell'1,9 e del 2-4%.

Per aumentare i problemi dei turisti britannici, il governo di Londra ha anche rifiutato di inserire gli Stati membri dell'Ue in una lista verde di Paesi in cui è consentito viaggiare senza bisogno di quarantena.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli