Covid, il vaiolo delle scimmie non è un effetto collaterale dei vaccini

Covid, il vaiolo delle scimmie non è un effetto collaterale dei vaccini (Jacob King/Pool via REUTERS)
Covid, il vaiolo delle scimmie non è un effetto collaterale dei vaccini (Jacob King/Pool via REUTERS)

La vulgata si sta diffondendo sempre più sui social media: in tanti affermano che il vaiolo delle scimmie sia un effetto collaterale dei vaccini anti-Covid. "Monkeypox è un'altra bugia. È vaccinepox!", la frase che si sta diffondendo sempre più in tutto il mondo. Ma cosa c'è di vero? Nulla, secondo gli scienziati.

LEGGI ANCHE: Covid Germania, obbligo mascherina al chiuso se contagi tornano a salire in autunno

Infatti, il dottor Scott Roberts, specialista in malattie infettive presso la Yale Medicine, ha precisato che il vaiolo delle scimmie esisteva molto tempo prima della diffusione dei vaccini anti-Covid. Questa infezione, dunque, non ha nulla a che vedere con nessuno dei vaccini Covid-19.

LEGGI ANCHE: Nuovo virus identificato in Cina: sintomi, cos'è e come si trasmette

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, la quarta dose arma contro nuove ondate

Eppure, sui social si insiste: "Sarà interessante vedere quanti non vaccinati non lo prenderanno mai, ma certo non sarà sufficiente per risvegliare le masse", scrivono alcuni no vax. Gli esperti, però, ribadiscono che i focolai di Monkeypox hanno colpito gli Stati Uniti e altre parti del mondo anche prima della produzione e del lancio dei vaccini anti-Covid. L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che "il vaiolo delle scimmie umano è stato identificato per la prima volta negli esseri umani nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo". Nel 2003 sono stati identificati 47 casi di vaiolo delle scimmie in sei Stati.

LEGGI ANCHE: Covid, accordo Ue-Moderna: più vaccini per l'autunno-inverno

Il Monkeypox è causato dall'infezione del virus del vaiolo delle scimmie, che proviene dal genere Orthopoxvirus, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità. La malattia può essere "trasmessa all'uomo attraverso uno stretto contatto con una persona o un animale infetto, o con materiale contaminato dal virus", afferma l'OMS sul suo sito web. I vaccini Covid non contengono virus vivi o Dna del virus del vaiolo delle scimmie, dunque non c'entrano niente con questa infezione.

LEGGI ANCHE: Covid, Pistello: "Sottovariante Centaurus non sfonda, Omicron 5 oltre 80%"

Lo conferma anche Stuart Ray, un esperto di Covid-19 presso la Johns Hopkins University, osservando che "Monkeypox non è correlato clinicamente, geneticamente ed epidemiologicamente al Covid-19 e alle vaccinazioni".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Vaiolo scimmie, Vaia: "Non è malattia grave ma vaccino blocca contagi"